Scegli la tua lingua
  • Deutsch

    Sämtliche Inhalte auf der CPN-Website sind auf Englisch verfügbar. Einige Inhalte, wie z. B. Produktbeschreibungen, aktuelle Produkteinführungen und einige technische Artikel, sind ebenfalls auf Deutsch, Spanisch, Französisch, Italienisch und Niederländisch erhältlich. Wählen Sie in der Liste oben Ihre Sprache aus, damit sämtliche darin verfügbaren Inhalte automatisch entsprechend Ihrer Wahl dargestellt werden. Ansonsten wird als Standardsprache Englisch verwendet.

  • English

    All content published on the CPN website is available in English. Some content – such as product descriptions, recent product launches and some technical articles – is also available in German, Spanish, French, Italian and Dutch. Choose your language from the list above and all content that is available in your language will automatically be displayed in your language, otherwise the default language will be English.

  • Español

    Todo el contenido publicado en la página web de CPN está disponible en inglés. Parte del contenido –como descripciones de producto, lanzamientos recientes de productos y algunos artículos técnicos– también están disponibles en alemán, español, francés, italiano e holandés. Elija su idioma en la lista anterior y todo el contenido que esté disponible en su idioma aparecerá automáticamente en ese idioma, o , si no, en el idioma predeterminado que es el inglés.

  • Français

    Tout le contenu publié sur le site Web de CPN existe en anglais. Une partie du contenu (comme les descriptions de produit, les lancements récents de produit et certains articles techniques) est également publié en allemand, en espagnol, en français, en italien et en néerlandais. Choisissez la langue dans la liste ci-dessus, et tout le contenu offert dans votre langue s’affiche automatiquement ; par défaut, le reste s’affiche en anglais.

  • Italiano

    Tutti i contenuti pubblicati sul sito CPN sono disponibili in inglese. Alcuni contenuti come descrizioni di prodotto, lanci di prodotti recenti e alcuni articoli tecnici sono disponibili anche in tedesco, spagnolo, francese, italiano e olandese. Seleziona la lingua dall'elenco in alto e automaticamente si visualizzeranno tutti i contenuti disponibili in quella lingua; diversamente la lingua di default sarà l’inglese.

  • Nederlands

    Alle inhoud die op de CPN-website wordt gepubliceerd, is beschikbaar in het Engels. Bepaalde inhoud, zoals productbeschrijvingen, onlangs gelanceerde producten en sommige technische artikelen, zijn ook beschikbaar in het Duits, Spaans, Frans, Italiaans en Nederlands. Kies de taal uit bovenstaande lijst, waarna alle inhoud die beschikbaar is in de gewenste taal, automatisch in die taal wordt weergegeven. Anders is Engels de standaardtaal.

Ambassadors Programme

Explorer

Giancarlo Colombo

giu23

Il Passatore: una corsa per pazzi!

By Giancarlo Colombo, martedì giugno 23, 2015
L'ombra del passatore sotto a uno stupendo arcobaleno

L'ombra del passatore sotto a uno stupendo arcobaleno © Giancarlo Colombo

La leggenda narra che secoli addietro, attorno alla metà dell’Ottocento, esisteva un brigante, uno spietato assassino, che operava insieme ai suoi compagni di scorribande in tutta la Romagna, la cui fama nel corso del tempo si diffuse fino a che la sua figura non venne mitizzata e associata a quella di Robin Hood.

Il Passatore, questo il soprannome del brigante chiamato Stefano Pelloni, datogli dal mestiere di traghettatore esercitato dal padre, era un personaggio talmente famoso che lo stesso Giovanni Pascoli lo nomina in una delle sue poesie e rimane tutt’oggi un personaggio storico di grande interesse, soprattutto per le persone che abitano le zone da cui lui proveniva.

Questa fama in particolare si riflette, oltre che nelle varie leggende popolari, anche in una gara a lui intitolata, la 100 km del Passatore, un evento sportivo assolutamente fuori dal mondo.
Si tratta di una competizione che da 43 edizioni ricalca le gesta di questo personaggio, che il mito dice che rubava ai ricchi della città di Firenze per donare il bottino ai poveri di Faenza; queste sono infatti le due località di partenza e arrivo della corsa.

Quest’anno per la decima volta consecutiva la competizione è stata vinta da Giorgio Calcaterra con un tempo di 7:08:05.
La cosa che tuttavia mi ha colpito maggiormente non è il tempo di arrivo dei partecipanti o chi ha voluto partecipare, ma la gioia del pubblico lungo tutto il tracciato di gara. Tornare a partecipare ad un evento del genere come fotografo, dopo anni da quando l’avevo fatta come tapascione, mi ha emozionato in una maniera indescrivibile. La magia che la caratterizza è un qualcosa che se non si è presenti è difficile da comprendere.

Molte persone pensano che chi corre una 100 km sia un pazzo, altri che si tratta di eroi, ma indipendentemente dai giudizi della gente la cosa bella di questa gara è che attira tutte queste persone sul tracciato, in una coda infinita di tifosi e momentanei spettatori pronti ad applaudire e ad incitare questi matti che hanno deciso volontariamente di fare 100 km con la sola forza di volontà che li caratterizza e l’energia delle loro gambe. Durante la gara ho visto bambini che guardavano con occhi luccicanti i partecipanti, signori un po’ più anziani che di gare magari ne avevano già viste altre, passando addirittura per una sposa con gli invitati al seguito, senza dimenticare l’infinità di volontari che hanno deciso di collaborare alla realizzazione di questa grande festa. Ogni singola persona ha contribuito in maniera del tutto personale a rendere il passatore ciò che è: una gara per matti, perché in fondo in fondo un po’ matti lo siamo tutti...

Gli atleti attraversano la piazza del Duomo di Firenze subito dopo la partenza

Gli atleti attraversano la piazza del Duomo di Firenze subito dopo la partenza © Giancarlo Colombo

Giorgio Calcaterra corre attraverso le strade di Marradi

Giorgio Calcaterra corre attraverso le strade di Marradi © Giancarlo Colombo