Scegli la tua lingua
  • Deutsch

    Sämtliche Inhalte auf der CPN-Website sind auf Englisch verfügbar. Einige Inhalte, wie z. B. Produktbeschreibungen, aktuelle Produkteinführungen und einige technische Artikel, sind ebenfalls auf Deutsch, Spanisch, Französisch, Italienisch und Niederländisch erhältlich. Wählen Sie in der Liste oben Ihre Sprache aus, damit sämtliche darin verfügbaren Inhalte automatisch entsprechend Ihrer Wahl dargestellt werden. Ansonsten wird als Standardsprache Englisch verwendet.

  • English

    All content published on the CPN website is available in English. Some content – such as product descriptions, recent product launches and some technical articles – is also available in German, Spanish, French, Italian and Dutch. Choose your language from the list above and all content that is available in your language will automatically be displayed in your language, otherwise the default language will be English.

  • Español

    Todo el contenido publicado en la página web de CPN está disponible en inglés. Parte del contenido –como descripciones de producto, lanzamientos recientes de productos y algunos artículos técnicos– también están disponibles en alemán, español, francés, italiano e holandés. Elija su idioma en la lista anterior y todo el contenido que esté disponible en su idioma aparecerá automáticamente en ese idioma, o , si no, en el idioma predeterminado que es el inglés.

  • Français

    Tout le contenu publié sur le site Web de CPN existe en anglais. Une partie du contenu (comme les descriptions de produit, les lancements récents de produit et certains articles techniques) est également publié en allemand, en espagnol, en français, en italien et en néerlandais. Choisissez la langue dans la liste ci-dessus, et tout le contenu offert dans votre langue s’affiche automatiquement ; par défaut, le reste s’affiche en anglais.

  • Italiano

    Tutti i contenuti pubblicati sul sito CPN sono disponibili in inglese. Alcuni contenuti come descrizioni di prodotto, lanci di prodotti recenti e alcuni articoli tecnici sono disponibili anche in tedesco, spagnolo, francese, italiano e olandese. Seleziona la lingua dall'elenco in alto e automaticamente si visualizzeranno tutti i contenuti disponibili in quella lingua; diversamente la lingua di default sarà l’inglese.

  • Nederlands

    Alle inhoud die op de CPN-website wordt gepubliceerd, is beschikbaar in het Engels. Bepaalde inhoud, zoals productbeschrijvingen, onlangs gelanceerde producten en sommige technische artikelen, zijn ook beschikbaar in het Duits, Spaans, Frans, Italiaans en Nederlands. Kies de taal uit bovenstaande lijst, waarna alle inhoud die beschikbaar is in de gewenste taal, automatisch in die taal wordt weergegeven. Anders is Engels de standaardtaal.

Articoli tecnici

01 of 18

ESPLORARA LA EOS 5D MARK III MOVIE

Previous
Next
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF300mm f/2.8L IS II USM |Shutter speed: 1/4000sec |Aperture: f/4.5 |ISO speed: 200 |Shooting mode: Manual exposure |Metering mode: Evaluative |Focusing mode: AI Servo AF |AF area select mode: Manual selection |Drive mode: High-speed continuous shooting |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Auto |Picture Style: Standard |Sharpness: 3 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Enabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF17-40mm f/4L USM |Focal length: 17mm |Shutter speed: 1/125sec |Aperture: f/11 |ISO speed: 200 |Shooting mode: Aperture-Priority AE |Metering mode: Evaluative |Exposure compensation: -1/3 |Focusing mode: One-Shot AF |Drive mode: High-speed continuous shooting |Exposure setting: HDR Art Vivid |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Auto |Picture Style: Landscape |Sharpness: 4 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Enabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF135mm f/2L USM |Shutter speed: 1/250sec |Aperture: f/2.8 |ISO speed: 100 |Shooting mode: Aperture-Priority AE |Metering mode: Centre-Weighted Average |Focusing mode: One-Shot AF |AF area select mode: Manual selection |Drive mode: Single shooting |Exposure compensation: +1/3 |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Auto |Picture Style: Portrait |Sharpness: 2 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Standard |Peripheral Illumination Correction: Enabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF100mm f/2.8L Macro IS USM |Shutter speed: 1/125sec |Aperture: f/11 |ISO speed: 100 |Shooting mode: Manual exposure |Metering mode: Evaluative |Focusing mode: Manual |Drive mode: Single shooting |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Colour Temperature (5200K) |Picture Style: Standard |Sharpness: 3 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Peripheral Illumination Correction: Enabled |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Dust Delete Data: No
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF70-300mm f/4-5.6L IS USM |Focal length: 78mm |Shutter speed: 1/640sec |Aperture: f/8 |ISO speed: 100 |Shooting mode: Manual exposure |Metering mode: Partial |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Daylight |AF mode: One-Shot AF |AF area select mode: Spot AF |Drive mode: Single shooting |Picture Style: Landscape |Sharpness: 4 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Enabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF17-40mm f/4L USM |Focal length: 24mm |Shutter speed: 1/4sec |Aperture: f/8 |ISO speed: 1600 |Shooting mode: Aperture-Priority AE |Metering mode: Evaluative |Exposure compensation: 0 |Focusing mode: One-Shot AF |Drive mode: High-speed continuous shooting |Exposure setting: HDR Art Standard |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Auto |Picture Style: Landscape |Sharpness: 4 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Enabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF24-70mm f/2.8L USM |Focal length: 25mm |Shutter speed: 1/100sec |Aperture: f/5.6 |ISO speed: 100 |Shooting mode: Manual exposure |Metering mode: Evaluative |Focusing mode: Manual |Drive mode: Single shooting |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Auto |Picture Style: Portrait |Sharpness: 2 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Enabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF400mm f/2.8L IS USM |Shutter speed: 1/30sec |Aperture: f/5.6 |ISO speed: 1600 |Shooting mode: Aperture-Priority AE |Metering mode: Evaluative |Exposure compensation: -1 1/3 |Focusing mode: One-Shot AF |AF area select mode: Manual selection |Drive mode: Single shooting |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Auto |Picture Style: Standard |Sharpness: 3 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: Adobe RGB (1998) |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Disabled |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF70-300mm f/4-5.6L IS USM |Focal length: 76mm |Shutter speed: 1/500sec |Aperture: f/8 |ISO speed: 400 |Shooting mode: Aperture-Priority AE |Metering mode: Evaluative |Exposure compensation: -1/3 |Focusing mode: One-Shot AF |AF area select mode: Spot AF |Drive mode: Single shooting |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Auto |Picture Style: Landscape |Sharpness: 4 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Low |Peripheral Illumination Correction: Enabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF300mm f/2.8L IS II USM |Shutter speed: 1/640sec |Aperture: f/8 |ISO speed: 200 |Shooting mode: Manual Exposure |Metering mode: Evaluative |AE lock: On |Focusing mode: AI Servo AF |AF area select mode: AF Point expansion |Drive mode: High-speed continuous shooting |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Colour Temperature (5200K) |Picture Style: Standard |Sharpness: 3 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Enabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF16-35mm f/2.8L II USM |Focal length: 35mm |Shutter speed: 1/25sec |Aperture: f/8 |ISO speed: 25,600 |Shooting mode: Aperture-Priority AE |Metering mode: Evaluative |Exposure compensation: 0 |Focusing mode: One-Shot AF |AF area select mode: Spot AF |Drive mode: Self-timer operation |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Auto |Picture Style: Landscape |Sharpness: 4 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Low |Peripheral Illumination Correction: Enabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF400mm f/2.8L IS USM |Shutter speed: 1/800sec |Aperture: f/4 |ISO speed: 100 |Shooting mode: Aperture-Priority AE |Metering mode: Evaluative |Exposure compensation: -1 |Focusing mode: One-Shot AF |AF area select mode: Manual selection |Drive mode: Single shooting |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Auto |Picture Style: Standard |Sharpness: 3 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: Adobe RGB (1998) |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Disabled |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF24-105mm f/4L IS USM |Focal length: 85mm |Shutter speed: 1/160sec |Aperture: f/8 |ISO speed: 100 |Shooting mode: Aperture-Priority AE |Metering mode: Evaluative |Exposure compensation: -1/3 |Focusing mode: One-Shot AF |AF area select mode: Spot AF |Drive mode: Single shooting |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Auto |Picture Style: Standard |Sharpness: 3 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Enabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: TS-E17mm f/4L |Shutter speed: 1/60sec |Aperture: f/8 |ISO speed: 800 |Shooting mode: Aperture-Priority AE |Metering mode: Evaluative |Exposure compensation: 0 |Focusing mode: Manual |Drive mode: Single shooting |Exposure setting: HDR Natural |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Auto |Picture Style: Landscape |Sharpness: 4 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Enabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF70-200mm f/2.8L IS II USM |Focal length: 200mm |Shutter speed: 1/125sec |Aperture: f/10 |ISO speed: 100 |Shooting mode: Manual exposure |Metering mode: Centre-Weighted Average |Focusing mode: One-Shot AF |AF area select mode: Manual selection |Drive mode: Single shooting |Exposure setting: Multiple Exposure (Bright) |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Auto |Picture Style: Portrait |Sharpness: 2 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Disabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: Off
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF16-35mm f/2.8L II USM |Focal length: 18mm |Shutter speed: 1/5sec |Aperture: f/8 |ISO speed: 6400 |Shooting mode: Aperture-Priority AE |Metering mode: Evaluative |Exposure compensation: 0 |Focusing mode: Manual |Drive mode: Self-timer operation |Aspect ratio: 3:2 |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Auto |Picture Style: Landscape |Sharpness: 4 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Enabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: On
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Focal length: 50mm |Shutter speed: 1/3200sec |Aperture: f/8 |ISO speed: 400 |Shooting mode: Manual exposure |Metering mode: Evaluative |Focusing mode: Manual |Drive mode: Low-speed continuous shooting |Exposure setting: Multiple Exposure (Dark) |Image quality: Fine |White Balance mode: Colour Temperature (5200K) |Picture Style: Standard |Sharpness: 3 |Contrast: 0 |Saturation: 0 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |RAW image processing: Enabled |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Disabled |Chromatic Aberration Correction: Disabled |Distortion Correction: Disabled |Dust Delete Data: No
Exif Data
Camera: EOS 5D Mark III |Lens: EF85mm f/1.2L II USM |Shutter speed: 1/1000sec |Aperture: f/8 |ISO speed: 6400 |Shooting mode: Manual exposure |Metering mode: Spot metering |Focusing mode: Manual |Drive mode: High-speed continuous shooting |Exposure setting: Multiple exposure |Image quality: Fine |Flash: Off |FE lock: Off |White Balance mode: Colour Temperature (2500K) |Picture Style: Portrait |Sharpness: 2 |Contrast: 2 |Saturation: 1 |Colour tone: 0 |Colour space: sRGB |Auto Lighting Optimizer: Disabled |Peripheral Illumination Correction: Disabled |Dust Delete Data: No |Live View Shooting: Off
Exif Data

Oyster fisherman. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF24-70mm f/2.8L USM zoom lens at a focal length of 30mm. The exposure was 1/200sec at f/10, ISO 100.

Caption

© Brent Stirton/Reportage by Getty images

Oyster fishing grounds. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF16-35mm f/2.8L II USM zoom lens at a focal length of 19mm. The exposure was 1/250sec at f/10, ISO 100.

Caption

© Brent Stirton/Reportage by Getty images

Oyster fishermen wading through water. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF16-35mm f/2.8L II USM zoom lens, at a focal length of 32mm. The exposure was 1/250sec at f/10, ISO 100.

Caption

© Brent Stirton/Reportage by Getty images

An oyster fisherman sorts through the catch. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF16-35mm f/2.8L II USM zoom lens at a focal length of 33mm. The exposure was 1/250sec at f/6.3, ISO 6400.

Caption

© Brent Stirton/Reportage by Getty images

Portrait of an oyster fisherman. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF35mm f/1.4L USM lens, the exposure was 1/250sec at f/4, ISO 400.

Caption

© Brent Stirton/Reportage by Getty images

An oyster fisherman at work. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF16-35mm f/2.8L II USM zoom lens at a focal length of 19mm. The exposure was 1/250sec at f/7.1, ISO 400.

Caption

© Brent Stirton/Reportage by Getty images

French seascape. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF70-200mm f/2.8L IS II USM zoom lens at a focal length of 200mm. The exposure was 1/500sec at f/5.6, ISO 800.

Caption

© Brent Stirton/Reportage by Getty images

Portrait of Radball players. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF24-70mm f/2.8L USM zoom lens at a focal length of 28mm. The exposure was 1/125sec at f/9, ISO 100.

Caption

© Brent Stirton/Reportage by Getty images

Radball players battle for the ball in daylight conditions. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF16-35mm f/2.8L II USM zoom lens at a focal length of 20mm. The exposure was 1/80sec at f/4.5, ISO 100.

Caption

© Brent Stirton/Reportage by Getty images

Radball being played in low light. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF24mm f/1.4L II USM lens, the exposure was 1/250sec at f/2.2, ISO 12,800.

Caption

© Brent Stirton/Reportage by Getty images

People walking on the beach at Lytham St. Annes, England. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF50mm f/1.2L USM zoom lens, the exposure was 1/500sec at f/11, ISO 800.

Caption

© Jeff Ascough

Beachscape at Lytham St. Annes, England. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF50mm f/1.2L USM lens, the exposure was 1/8000sec at f/1.8, ISO 200.

Caption

© Jeff Ascough

Seascape at Lytham St. Annes, England. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF24-70mm f/2.8L II USM zoom lens at a focal length of 27mm. The exposure was 1/2500sec at f/16, ISO 800.

Caption

© Jeff Ascough

Seawall at Blackpool, England. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF50mm f/1.2L USM lens, the exposure was 1/8000sec at f/13, ISO 800.

Caption

© Jeff Ascough

Child with birds at Lytham St. Annes, England. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF24-70mm f/2.8L USM zoom lens at a focal length of 59mm. The exposure was 1/800sec at f/11, ISO 800.

Caption

© Jeff Ascough

Seawall at night, Blackpool, England. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF50mm f/1.2L USM lens, the exposure was 1/160sec at f/3.5, ISO 12,800.

Caption

© Jeff Ascough

Beach and pier at Blackpool, England. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF50mm f/1.2L USM lens, the exposure was 1/200sec at f/3.5, ISO 6400.

Caption

© Jeff Ascough

People on the seafront at Blackpool, England. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF50mm f/1.2L USM lens, the exposure was 1/5000sec at f/8, ISO 200.

Caption

© Jeff Ascough

Seafront and big wheel at Blackpool, England. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF50mm f/1.2L USM lens, the exposure was 1/5000sec at f/9, ISO 200.

Caption

© Jeff Ascough

Seafront and pier at Blackpool, England. Shot on the EOS 5D Mark III with an EF16-35mm f/2.8L II USM lens at a focal length of 22mm. The exposure was 1/1600sec at f/10, ISO 400.

Caption

© Jeff Ascough

Showcases
  • ESPLORARA LA EOS 5D MARK III MOVIE
  • EOS 5D MARK III ‘RADBALL’ MOVIE
  • EOS 5D MARK III IMAGE PORTFOLIO
  • CANON AMBASSADOR BRENT STIRTON
  • CANON AMBASSADOR
    JEFF ASCOUGH
Marzo 2012

La reflex digitale Canon EOS 5D Mark III è una fotocamera attesa sia dai professionisti sia dagli appassionati di fotografia. è basata sulle tecnologie lanciate per la prima volta sul modello di punta di Canon EOS-1D X DSLR. Con un sensore CMOS a pieno formato da 22,3 megapixel, una velocità di scatto fino a sei fotogrammi al secondo (fps), un sistema AF a 61 punti e le stesse caratteristiche di registrazione dei filmati del modello EOS-1D X, è una fotocamera a cui i fotografi e i registi non sapranno resistere. CPN presenta in modo approfondito il modello EOS 5D Mark III per rivelarne tecnologie, specifiche tecniche e funzionalità di scatto immagini e filmati.


SPECIFICHE TECNICHE CHIAVE

Il modello EOS 5D Mark III è una fotocamera reflex digitale altamente specializzata che raccoglie l'eredità della EOS 5D Mark II, a cui aggiunge specifiche fortemente migliorate per lo scatto di immagini e filmati Full HD.


  • Sensore CMOS a pieno formato da 22,3 megapixel
  • Sistema AF a 61 punti e fino a 41 punti AF a croce
  • Modalità di messa a fuoco a zona, spot e per espansione del punto AF
  • Processore DIGIC 5+
  • Velocità di scatto continuo fino a 6 fps
  • ISO standard da 100 a 25.600, ISO da 50 a 102.400 con espansione
  • +/-5 stop di compensazione dell'esposizione
  • Scatto HDR interno alla fotocamera
  • Registrazione di filmati in Full HD con compressione ALL-I o IPB
  • Durata dei filmati in Full HD di 29 min 59 sec
  • Impostazione del time code per la ripresa di filmati HD
  • Porta cuffie per il controllo audio
  • Ritardo dell'otturatore di 59 ms
  • Mirino LCD trasparente con copertura del 100%
  • Schermo LCD Clear View II da 3,2" (8,11 cm) ad alta risoluzione con 1,04 milioni di pixel
  • Sistema integrato di pulizia EOS (EICS)
  • Doppio slot per schede CF e SD
  • Area controllo silenzioso
  • Livello elettronico a 2 assi
 

Fare clic sulla finestra sovrastante per guardare un filmato che mostra i comandi chiave della EOS 5D Mark III.

QUALITà DELLE IMMAGINI, ELABORAZIONE E RIPRODUZIONE

Grazie al sensore CMOS a pieno formato da 22,3 megapixel, la EOS 5D Mark III oggi è il modello con la risoluzione più elevata all'interno della gamma delle fotocamere reflex digitali di Canon, e offre migliori capacità di sfruttamento della luce per immagini di qualità superiore.


Sensore CMOS a pieno formato

Canon vanta una lunga tradizione nella progettazione e realizzazione dei propri sensori CMOS ed è l'unica azienda nel mondo della fotografia a progettare e produrre anche le macchine che realizzano i sensori, garantendo così un controllo completo fin dalle fasi iniziali del processo di produzione. Il sensore a pieno formato installato nella EOS 5D Mark III rappresenta un'evoluzione del sensore della EOS 5D Mark II e include inoltre parte della tecnologia del sensore presente nel modello di punta delle reflex digitali Canon EOS-1D X.

 

Come il sensore della EOS-1D X, il sensore CMOS a pieno formato della EOS 5D Mark III offre una maggiore sensibilità alla luce, una riduzione del rumore a velocità ISO superiori e una gamma dinamica più ampia.

I sensori CMOS utilizzano i micro-obiettivi per dirigere correttamente il fascio luminoso in ogni pixel. Il primo sensore a pieno formato di Canon con micro-obiettivo "gapless" era inserito nel modello EOS-1D X e il sensore nella EOS 5D Mark III presenta la stessa tecnologia per una migliore capacità di raccolta della luce. I micro-obiettivi "gapless" consentono di dirigere la luce in un pixel dove può essere usata nel modo più efficace possibile, indipendentemente dall'angolazione di provenienza. In sostanza significa che la luce che raggiunge il sensore non viene mai sprecata senza raggiungere i pixel.

Proprio come avviene con la EOS-1D X, il sensore nella EOS 5D Mark III è stato sviluppato per fornire risultati eccellenti non solo nelle riprese di immagini, ma anche nella registrazione di filmati in Full HD (1080p). Rispetto al sensore integrato nel precedente modello EOS 5D Mark II, il sensore e il sistema di elaborazione dell'immagine associato sono stati sviluppati per ridurre l'effetto moiré e i falsi colori al fine di offrire dettagli ancora più fedeli e una qualità dell'immagine migliore durante le riprese dei filmati.

Elaborazione delle immagini

 

Il sensore CMOS della EOS 5D Mark III usa micro-obiettivi "gapless" posizionati sopra ciascun fotodiodo per ottimizzare le capacità di raccolta della luce indipendentemente dall'angolo con cui questa arriva al sensore.

Dotata di un singolo processore d'immagini DIGIC 5+, la EOS 5D Mark III è in grado di gestire grandi flussi di dati in modo rapido ed efficiente. Un processore DIGIC 5+ è 17 volte più veloce rispetto al processore DIGIC 4 installato nella EOS 5D Mark II. Questa maggiore potenza di elaborazione ha permesso tutta una serie di progressi, che riguardano sia la qualità delle immagini che la funzionalità della fotocamera.

Prestazioni ISO

Le prestazioni ISO sulla EOS 5D Mark III sono di circa due stop migliori rispetto alla EOS 5D Mark II, ciò significa immagini migliori, più omogenee con maggiori dettagli e minor rumore quando lo scatto avviene in condizioni di scarsa illuminazione. Questi progressi nelle prestazioni hanno permesso di aumentare la massima velocità standard ISO da 6400 della EOS 5D Mark II a ISO 25.600 della EOS 5D Mark III. Questa impostazione ISO standard è pari alla EOS 5D Mark II con il set di espansione ISO. Allo stesso modo, la maggiore potenza di elaborazione consente di usare la funzione personalizzata di riduzione del rumore per ISO elevati sull'impostazione "High" senza ridurre il numero di scatti continui che possono essere acquisiti in serie.

Raccolta nell'esposizione multipla

 

Il processore d'immagine DIGIC 5+ mostrato sulla scheda principale del circuito della EOS 5D Mark III. Il processore offre una serie di vantaggi, tra cui la correzione delle aberrazioni cromatiche interna alla fotocamera, che rimuove aberrazioni e aloni da bordi a contrasto elevato al fine di migliorare la qualità complessiva dell'immagine e ottimizzare le prestazioni degli obiettivi Canon.

Un'altra novità offerta dal processore DIGIC 5+ è la possibilità di scattare con più esposizioni, una situazione in cui più immagini vengono "accatastate" l'una sull'altra. I processori DIGIC 5+ consentono di raccogliere un numero di fotogrammi compreso tra due e nove per creare una sola immagine finale. Questa funzione è disponibile per immagini RAW e JPEG; con impostazioni M-RAW o S-RAW, la qualità di registrazione viene automaticamente impostata su RAW.

Al fine di garantire prestazioni ottimali in termini di esposizione multipla, sono disponibili numerose impostazioni per personalizzare il risultato finale in base alle specifiche esigenze. Si tratta di Additiva, Media, Chiara (Comparativa) e Scura(Comparativa).

Il controllo dell'esposizione Additiva è dedicato ai fotografi che solitamente scattano utilizzando più esposizioni con macchine fotografiche a pellicola. Invece di scattare ogni immagine con l'esposizione corretta, l'esposizione totale viene aggiunta da ogni singola immagine. Per ottenere un risultato corretto, è necessario che ogni immagine sia sottoesposta in modo tale che l'immagine finale, originata dalla combinazione di tutte le altre, sia esposta correttamente.

L'impostazione Media offre un controllo automatico dell'esposizione nel quale ogni immagine viene automaticamente sottoesposta in modo da ottenere un'immagine finale dall'esposizione corretta. A differenza dell'impostazione Additiva, viene creata una media di tutte le immagini nell'esposizione multipla che vengono scattate con la stessa impostazione dell'esposizione.

 

Le esposizioni multiple raccolgono un numero di immagini comprese tra due e nove consentendo di "accatastare" le immagini quando lo scatto avviene in formato RAW o JPEG. Questa immagine a esposizione multipla è stata creata con l'impostazione Chiara (Comparativa).

L'impostazione Chiara (Comparativa) è adatta per fotografare scene uniformemente scure con oggetti chiari/luminosi in primo piano. Un esempio classico di questa scena è la luna sovrapposta al cielo scuro della notte: questo risultato si può ottenere soltanto sovrapponendo gli oggetti luminosi all'interno della scena.

Al contrario, Scura (Comparativa) viene utilizzata per eliminare le aree luminose delle immagini al fine di sovrapporre solo le aree più scure. Questa impostazione è utile per eliminare riflessi e zone chiare da un'immagine (ad es. i riflessi che possono crearsi fotografando un soggetto che indossa gli occhiali).

Scatto HDR interno alla fotocamera

Oltre all'Imaging multiplo, la EOS 5D Mark III è dotata dello scatto HDR (High Dynamic Range) interno alla fotocamera che consente di creare immagini JPEG con una gamma dinamica più ampia. Grazie allo scatto HDR, la fotocamera catturerà tre immagini di ciascuno scatto, di cui una sottoesposta, una alla corretta esposizione e una sovraesposta. Le tre immagini vengono quindi combinate all'interno della fotocamera per creare un'unica immagine.

Con la funzione di scatto HDR è possibile selezionare la gamma di esposizione tra le immagini catturate oppure lasciare che la fotocamera elabori automaticamente l'esposizione più adatta al contrasto globale. La gamma manuale è compresa tra +/- 1 a 3EV. Durante l'elaborazione delle immagini HDR da parte della fotocamera, è possibile scegliere diverse opzioni per combinare le immagini. Queste opzioni vanno da Naturale, che garantisce un risultato più realistico, a vari effetti creativi, come Art Standard, Art marcato e Art rilievo.

Correzione delle immagini all'interno della fotocamera

 

Schermata del menu che mostra le opzioni di correzione delle immagini della EOS 5D Mark III: Correzione illuminazione periferica e Correzione aberrazione cromatica.

L'elaborazione avanzata dei processori DIGIC 5+ ha inoltre reso possibili progressi nella correzione delle immagini all'interno della fotocamera. I recenti modelli di fotocamera EOS integrano funzionalità per la correzione dell'illuminazione periferica che consentono alla fotocamera di correggere le eventuali ombre presenti negli angoli al momento dell'acquisizione dell'immagine. La correzione dell'aberrazione cromatica, presente anche nel modello EOS-1D X, funziona allo stesso modo, ma rimuove aberrazioni e aloni da bordi a contrasto elevato al fine di migliorare la qualità complessiva dell'immagine e ottimizzare le prestazioni degli obiettivi Canon.

Schede di memoria UDMA 7

Il processore DIGIC 5+ consente inoltre di utilizzare le schede di memoria UDMA 7 che offrono velocità di scrittura elevate per le immagini, con dati prodotti in serie di scatti, e video HD, mediante l'invio di un flusso continuo di dati. Ciò consente di utilizzare al massimo le schede di memoria con velocità di scrittura fino a 167 MB/sec rendendo la fotocamera "a prova di futuro" e garantendone la compatibilità con schede di memoria ancora più veloci di quelle attualmente disponibili sul mercato. Con l'aggiunta di uno slot per scheda SD, oltre a quello per scheda CF, ora è possibile utilizzare due dei formati più comuni di scheda di memoria.

Riproduzione dell'immagine

Il processore DIGIC 5+ ha portato dei vantaggi anche in termini di riproduzione dell'immagine. Quando si rivedono le immagini sullo schermo LCD posteriore è possibile sovrapporre una delle tre opzioni di visualizzazione griglia (3x3, 6x4 o 3x3+diag) per verificare la composizione. Anche il comando di ingrandimento è stato modificato rispetto alla EOS 5D Mark II. Adesso funziona esattamente come nella EOS-1D X, consentendo di impostare un livello di ingrandimento di 1x, 2x, 4x, 8x, 10x o Dimensioni effettive. Può inoltre essere impostato per utilizzare lo stesso ingrandimento con cui era stata visualizzata l'ultima immagine, in modo da poter confrontare le immagini senza dover utilizzare il comando di zoom.

 

La EOS 5D Mark III accetta schede di memoria SD e CF ed è già pronta per il futuro, perché consente alla fotocamera di funzionare con schede di memoria più veloci rispetto a quelle attualmente disponibili.

 

Schermo LCD posteriore della EOS 5D Mark III con le opzioni di visualizzazione griglia disponibili per verificare la composizione.


Grazie alla nuova opzione di visualizzazione comparativa di due immagini, ora è possibile rivedere contemporaneamente due immagini sullo schermo LCD posteriore. Per attivare questa opzione basta premere il pulsante "Creative image" (Immagine creativa). Il pulsante SET (Impostazione) consente di scegliere quale delle due immagini evidenziare mentre Ghiera controllo rapido, Ghiera principale e i pulsanti di ingrandimento funzioneranno sull'immagine evidenziata per selezionare uno scatto diverso oppure ingrandire quello attualmente selezionato.

Sistema integrato di pulizia EOS (EICS)

 

L'unità sensore di auto-pulizia della EOS 5D Mark III.

Il Sistema integrato di pulizia EOS (EICS) è stato introdotto nel 2006 sul modello EOS 400D e il suo funzionamento si basa su tre principi: ridurre la formazione di polvere, impedire i depositi di polvere sul sensore e rimuovere la polvere che si è depositata. Il sistema non si basa solo sul funzionamento meccanico, ma è presente anche un elemento software che funziona con Digital Photo Professional, il software di elaborazione RAW fornito gratuitamente nella confezione all'acquisto di una qualsiasi fotocamera EOS di Canon.

Il sensore del modello EOS 5D Mark III utilizza un sistema integrato di pulizia EOS simile a quello dei modelli 7D e EOS 5D Mark II e include un rivestimento antistatico al fluoro che aiuta a prevenire i depositi di polvere sul sensore. Inoltre è dotato di una vibrazione ultrasonica più efficiente che aiuta a rimuovere la polvere dal sensore con maggiore efficacia rispetto ai precedenti sistemi EICS.


SISTEMA AUTOFOCUS

La EOS 5D Mark III è dotata di un sistema di messa a fuoco automatica a 61 punti, con un massimo di 41 punti a croce, che offre ai fotografi professionisti una messa a fuoco estremamente precisa in un'ampia gamma di situazioni di scatto.


Sistema AF a 61 punti

Come la EOS-1D X, anche la EOS 5D Mark III è dotata di un sistema AF a 61 punti, di cui massimo 41 punti funzionano come punti a croce. Questi 61 punti sono posizionati in un campo molto ampio, consentendo la massima flessibilità nella scelta del punto AF. Tuttavia, non tutti gli obiettivi garantiscono un flusso di luce adeguato sull'intera area di messa a fuoco, pertanto, con alcuni obiettivi, funzionerà solo il punto AF centrale.

Per migliorare la precisione della messa a fuoco, come nella EOS-1D X, tutti i 61 punti AF sono disposti a zigzag su linea doppia. Questa organizzazione migliora la precisione della messa a fuoco utilizzando due sensori leggermente sfasati l'uno rispetto all'altro. Un sensore offre un'elevata precisione utilizzando un pixel pitch fine. Tuttavia, aumentando troppo il pitch e di conseguenza la risoluzione, il risultato è un rapporto segnale-rumore più basso. Per evitare che ciò accada, il secondo sensore è leggermente sfasato ed è ideale per l'AF ad alta velocità, specialmente nell'AF predittivo. Questo posizionamento offre un incremento del pixel pitch per garantire una maggiore precisione e un incremento della velocità di inseguimento AF con punti dati aggiuntivi, senza presentare gli svantaggi tipici di queste soluzioni utilizzate singolarmente e consentendo una messa a fuoco automatica rapida e precisa.

 

Visualizzazione mirino della EOS 5D Mark III che mostra i punti AF della fotocamera a croce, in linea verticale e orizzontale.

Proprio come per la EOS-1D X, cinque dei punti AF centrali, posizionati in verticale lungo la linea centrale del fotogramma, funzionano come punti AF a croce doppia con gli obiettivi che offrono un'apertura massima pari a f/2,8 o più veloce. Ciò significa che sono inoltre posizionati con un punto AF orientato diagonalmente a formare una "X", e un punto AF orientato in orizzontale e verticale, a formare il simbolo "+" per garantire una messa a fuoco ancora più precisa.

Con gli obiettivi che dispongono di un'apertura massima pari a f/5,6 o più veloce, il gruppo centrale di 21 punti AF funzionerà come sensori AF a croce e i gruppi a sinistra e a destra, composti da 20 punti AF ciascuno, funzioneranno come sensori a croce per le aperture pari a f/4 e f/5,6.

Un vantaggio della maggiore sensibilità di messa a fuoco consiste nella capacità di rilevare gli errori e correggerli. Utilizzando l'intero sensore AF, dove ogni punto è sensibile in linea verticale a f/5,6 o più, è possibile reimpostare l'obiettivo molto più rapidamente che in passato. Nell'ambito della maggiore sensibilità, la EOS 5D Mark III offre le stesse capacità di messa a fuoco in condizioni di scarsa illuminazione del modello EOS-1D X. Utilizzando un singolo punto AF centrale con un obiettivo a f/2,8, sia la EOS 5D Mark III che la EOS-1D X sono in grado di mettere a fuoco in EV -2, l'equivalente di uno scatto effettuato con la luce della luna piena.

 

L'unità AF della EOS 5D Mark III.

Per aumentare ulteriormente la precisione della messa a fuoco, la EOS 5D Mark III sfrutta un sensore di rilevamento della luce dedicato all'interno dell'unità AF che consente di distinguere tra diverse sorgenti luminose e le loro caratteristiche spettrali. Poiché le diverse lunghezze d'onda della luce metteranno a fuoco distanze leggermente diverse, il sensore di rilevamento della sorgente luminosa consente all'unità AF di compensare automaticamente le sorgenti luminose e offrire così una maggiore precisione e una migliore omogeneità di messa a fuoco.

L'unità AF è stata inoltre progettata per funzionare in un'ampia gamma di condizioni ambientali, adatti a una fotocamera che verrà utilizzata dai professionisti di tutto il mondo.

Oltre al nuovo sensore di messa a fuoco, anche l'algoritmo AF è stato modificato e ora utilizza lo stesso algoritmo AI Servo AF III del modello EOS-1D X. Questo algoritmo AI Servo AF III è stato progettato basandosi sui commenti dei fotografi professionisti: lo scopo è garantire una precisione di messa a fuoco superiore e un inseguimento AF più stabile. Queste modifiche sono state incorporate in quattro modi diversi.

Con un sistema di AF predittivo, la fotocamera registra costantemente la posizione del soggetto, prevedendo dove questo si troverà nel fotogramma successivo in base al movimento registrato in precedenza. Se la fotocamera non riesce a rilevare la posizione del soggetto in un periodo di registrazione, il risultato negativo viene adesso ignorato e il punto di messa a fuoco successivo viene basato sui risultati precisi acquisiti in precedenza. Analogamente, se si sta seguendo un soggetto in movimento e un oggetto si frappone tra la posizione del fotografo e il soggetto, la fotocamera può confondersi e passare a una nuova distanza di messa a fuoco.

 

Diagramma che illustra la configurazione delle ottiche di messa a fuoco della EOS 5D Mark III.

La EOS 5D Mark III ignora i risultati quando la distanza AF cambia in modo evidente e continua a seguire il soggetto quando ricompare da dietro l'ostacolo, in base ai risultati registrati prima che tale ostacolo entrasse nell'inquadratura. Inoltre, in presenza di una notevole differenza nella distanza di messa a fuoco, la fotocamera non porta l'obiettivo alla nuova distanza. Piuttosto, essa sposta gradualmente la messa a fuoco dell'obiettivo, in base ai risultati corretti precedentemente acquisiti.

L'incremento della sensibilità del sistema di messa a fuoco consente inoltre misurazioni predittive più rapide della messa a fuoco. Nelle fotocamere EOS precedenti, ad eccezione della EOS-1D X, la fotocamera doveva riscaldarsi all'inizio dell'inseguimento. Ora anche questo tempo è stato ridotto nella EOS 5D Mark III, che quindi può iniziare l'inseguimento predittivo non appena il soggetto inizia a muoversi.

Per ottenere un tale risultato di velocità e precisione nell'algoritmo di AF è necessaria una rapida elaborazione di una grande quantità di dati di messa a fuoco. A questo scopo è stata utilizzata l'elaborazione distribuita in cui i dati vengono elaborati sia da un processore AF dedicato che dalla CPU della fotocamera. Il processore AF dedicato è quattro volte più veloce di quello installato nella EOS-1D Mark IV.

Strumento di configurazione AF

Come per la EOS-1D X, il sistema di messa a fuoco della EOS 5D Mark III è molto potente e pertanto, per garantire risultati ottimali, è necessario adattarlo al soggetto che si sta fotografando in quel preciso momento, specialmente quando è in movimento. Tuttavia, riuscire a ottenere un simile risultato con i modelli EOS precedenti richiedeva conoscenze approfondite sul funzionamento del sistema AF. Con la EOS 5D Mark III, il processo è stato semplificato grazie alle preimpostazioni AF, che consentono di individuare l'impostazione migliore e di apportare successivamente lievi modifiche per adattarsi ancora meglio allo stile di scatto.

 

Schermata del menu AF della EOS 5D Mark III che mostra alcune delle funzioni personalizzate AF ora accessibili tramite la scheda dedicata del menu AF della fotocamera.

Per semplificare la navigazione e la configurazione del menu, adesso tutte le impostazioni AF e le funzioni personalizzate sono raggruppate in una scheda dedicata del menu, eliminando la necessità di scorrere più schede per apportare le modifiche desiderate.

All'interno delle impostazioni AF, sono disponibili alcune nuove opzioni di configurazione. La prima è l'inseguimento accelerazione/decelerazione. Si tratta di un'impostazione particolarmente utile per i soggetti che cambiano spesso velocità, come le macchine da corsa. Con tre livelli di impostazione, è possibile regolare la risposta della messa a fuoco per una maggiore stabilità del sistema AF. L'impostazione 0 è progettata per i soggetti la cui velocità non varia particolarmente durante il movimento. Le impostazioni 1 e 2 sono progettate per i soggetti che si spostano rapidamente o che accelerano o si arrestano improvvisamente. Queste impostazioni non dovrebbero essere utilizzate per soggetti dal movimento fluido in quanto ciò potrebbe rendere la messa a fuoco meno stabile.

La seconda opzione di configurazione consente la commutazione automatica del punto AF. Viene utilizzata in combinazione con la selezione automatica del punto AF, AF a zona o espansione del punto AF. Consente di regolare la velocità di commutazione dei punti AF per inseguire un soggetto in movimento all'interno del fotogramma. L'impostazione "0" predefinita consente una graduale commutazione del punto AF. Selezionando "1" o "2" è possibile incrementare gradualmente la velocità di selezione di un punto AF differente.

Queste opzioni richiedono di conoscere il proprio soggetto e le preimpostazioni sono progettate proprio a tale scopo. Vi sono sei preimpostazioni progettate per scene diverse e, invece di dover ricordare esattamente la funzione di ciascuna, la fotocamera fornisce un'icona e un esempio di utilizzo all'interno del menu per semplificare la selezione dell'opzione corretta.

L'impostazione predefinita "Case 1" è riservata agli scatti di tipo generico. Fornisce una messa a fuoco rapida e precisa in una vasta gamma di situazioni di scatto. Tuttavia, la selezione di questa opzione per qualsiasi situazione non consente da sola di sfruttare appieno il sistema AF mentre, con qualche minima regolazione, è possibile ottenere risultati ancora migliori.

"Case 2" è progettata per le situazioni nelle quali il soggetto può momentaneamente allontanarsi dal punto AF. La fotocamera continuerà a tenere traccia della messa a fuoco del soggetto, anche quando questo si allontana dal punto AF o un ostacolo si frappone tra fotocamera e soggetto. Questa opzione è utile per gli scatti durante le azioni sportive, ad esempio nuoto, sci free-style o tennis.

"Case 3" consente di mettere a fuoco istantaneamente i soggetti che entrano nell'area del punto AF. è utile per bloccare la messa a fuoco rapidamente su un nuovo soggetto per passare velocemente da un soggetto all'altro. Ad esempio, è molto utile per lo sci alpino o all'inizio di una corsa ciclistica, dove vi sono più soggetti e potrebbe essere necessario passare rapidamente da uno all'altro. Se si imposta Sensibilità inseguim. su +2, la messa a fuoco si sposterà più rapidamente ma potrà essere difficile mantenere l'inseguimento sullo stesso soggetto, pertanto è importante fare pratica in precedenza con questa impostazione.

"Case 4" è studiata per i soggetti che cambiano rapidamente velocità o direzione come accade durante le corse di moto o auto o nel football. La fotocamera assegna la giusta priorità di inseguimento per tenere il passo con le variazioni di velocità, anche se i risultati della messa a fuoco suggeriscono un cambiamento molto rapido nella distanza di messa a fuoco.

"Case 5" è progettata per essere utilizzata con selezione automatica del punto AF, AF a zona ed espansione del punto AF e con soggetti dal movimento imprevedibile verso l'alto, il basso, a sinistra e a destra. Le impostazioni consentono alla fotocamera di passare tra più punti AF rapidamente per seguire il movimento. è adatta a soggetti impegnati in attività quali pattinaggio od oggetti in volo dove movimenti imprevedibili sono molto probabili.

"Case 6" è, fondamentalmente, una combinazione di "Case 4" e "Case 5" ed è adatta ai soggetti che cambiano improvvisamente velocità e si muovono in modo imprevedibile. Come "Case 5", viene utilizzata con selezione automatica del punto AF, AF a zona ed espansione del punto AF. Anche se il soggetto parte o si arresta improvvisamente o cambia bruscamente direzione, questa impostazione consente alla fotocamera di rispondere rapidamente affinché la messa a fuoco sia sempre incentrata sul soggetto. Questa impostazione è molto utile per soggetti impegnati in attività come la ginnastica, dove variazioni di velocità e direzione sono molto comuni.

Orientamento del punto di messa a fuoco automatica

 

Diagramma che illustra esempi della modalità di selezione dell'area AF e le impostazioni campione di selezione del punto AF: singoli punti AF, espansione del punto AF e zona AF per gli orientamenti orizzontale e verticale della fotocamera.

All'interno della personalizzazione del sistema AF disponibile sulla EOS 5D Mark III, è possibile selezionare diverse configurazioni AF in base all'orientamento della fotocamera. Possono essere selezionati massimo tre diversi metodi di selezione del punto AF che corrispondono all'orientamento paesaggio, ritratto con impugnatura verso l'alto o ritratto con l'impugnatura rivolta verso il basso. Ruotando semplicemente la fotocamera si sceglierà quale punto AF o quale metodo di selezione del punto AF è stato impostato per quell'orientamento.

Questa funzione è estremamente utile in molte situazioni. Ad esempio, durante un matrimonio, è possibile scegliere di usare un punto AF quando si scatta in formato paesaggio, ma un punto AF diverso quando si mette a fuoco un viso durante lo scatto in modalità ritratto.


Regolazione AF

Introdotta con la reflex digitale EOS-1D Mark III, la funzione di microregolazione AF consente di spostare il punto esatto di messa a fuoco leggermente in avanti o indietro per garantire il perfetto allineamento tra fotocamera e obiettivo. Visto l'incremento di risoluzione dei sensori della fotocamera, qualsiasi piccolo difetto di allineamento è più che mai visibile nelle immagini. Anche se fotocamere e obiettivi sono realizzati con tolleranze estremamente elevate, esiste una gamma di tolleranza e, in alcuni casi, la fotocamera potrebbe trovarsi a un'estremità della gamma e l'obiettivo a quella opposta. In questo caso, è possibile notare che il punto di messa a fuoco si trova davanti o dietro rispetto a dove dovrebbe essere.

 

Schermata del menu che mostra l'inserimento del numero di serie di un obiettivo. Per agevolare la funzione di microregolazione AF della EOS 5D Mark III è possibile inserire i numeri di serie dei singoli obiettivi.

La regolazione AF nella EOS 5D Mark III è adesso più semplice da utilizzare e più completa, infatti è in grado di rilevare il numero di serie di un obiettivo per consentire una regolazione molto specifica. Con le fotocamere precedenti, ad esempio, se la regolazione veniva effettuata su un obiettivo con zoom EF70-200 mm f/2,8L IS II USM, ogni obiettivo EF70-200 mm f/2,8L IS II USM collegato alla fotocamera sarebbe stato microregolato allo stesso modo. Adesso è possibile effettuare queste modifiche in base all'obiettivo specifico. Se il numero di serie dell'obiettivo non viene rilevato, è possibile registrarlo dal menu della fotocamera.

Anche la regolazione AF con obiettivi zoom è stata ulteriormente semplificata. In precedenza, era possibile registrare solo un'impostazione di microregolazione per ciascun obiettivo. Tuttavia, con la EOS 5D Mark III è ora possibile effettuare regolazioni per entrambe le impostazioni grandangolo e teleobiettivo di un obiettivo zoom. Ciò consente di garantire la messa a fuoco migliore per qualsiasi immagine, indipendentemente dalla lunghezza focale utilizzata con lo zoom.

MISURAZIONE E CONTROLLO DELL'ESPOSIZIONE

La EOS 5D Mark III è dotata di un sistema di misurazione intelligente a 63 zone che opera insieme al sistema di messa a fuoco automatica della fotocamera per offrire immagini con un'esposizione perfetta in tutte le situazioni di scatto.


Sensore di misurazione a 63 zone a due livelli

La EOS 5D Mark III offre un sensore di misurazione simile a quello presente nel modello EOS 7D, il sensore di misurazione a 63 zone iFCL a due livelli, per acquisire immagini con un'esposizione sempre perfetta. FCL sta per "Focus, Colour and Luminance" (messa a fuoco, colore e luminanza), ciò significa che il sistema di misurazione non solo controlla i dati di colore e luminanza, ma analizza anche i dati forniti da ciascun punto del sistema AF.

Il sensore di misurazione prevede 63 zone di misurazione ed è progettato a due livelli, ciascuno dei quali è sensibile a diverse lunghezze d'onda della luce. I sensori elettronici, in genere, sono più sensibili alla luce rossa. Ciò significa che quando si fotografano soggetti con grandi quantità di rosso come, ad esempio, le tonalità della pelle, il sensore riceve un segnale più forte perché rileva soltanto i livelli di luminosità. Ciò può portare a pensare erroneamente che vi sia più luce di quanta non ce ne sia in realtà. Il sistema a due livelli risolve questo inconveniente poiché un livello è sensibile alla luce rossa/verde e uno strato è sensibile alla luce blu/verde. Entrambi i livelli misurano la luce nel rispettivo spettro, quindi l'algoritmo di misurazione li combina per fornire una lettura precisa della luce.

Algoritmo di misurazione

 

Le 63 zone di misurazione e i 61 punti AF della EOS 5D Mark III come appaiono nel mirino della fotocamera.

Oltre a un misuratore dell'esposizione simile, la EOS 5D Mark III è dotata dello stesso algoritmo di misurazione della EOS 7D. EOS 5D Mark III misura sempre la messa a fuoco con tutti i punti AF, indipendentemente dalla modalità AF selezionata. Durante la lettura dell'esposizione, EOS 5D Mark III verifica quali punti, oltre a quello selezionato, hanno ottenuto o sono vicini a ottenere la messa a fuoco. Tali informazioni consentono alla fotocamera di riconoscere il soggetto all'interno dell'immagine. Quindi le letture di misurazione delle zone corrispondenti ai punti AF che hanno ottenuto (o sono vicini a ottenere) la messa a fuoco vengono prese e combinate con le letture di tutte le altre zone. Ciò consente un'esposizione coerente per ogni scatto, anche in condizioni complesse, dove sono presenti riflessi provenienti, ad esempio, dagli occhiali di una modella.

Modalità di lettura

Le opzioni di lettura valutativa, parziale e media pesata al centro consentono ai fotografi di scegliere con precisione le modalità di misurazione della luce in una scena, per assicurare un'esposizione sempre perfetta.

Compensazione esposizione

Con la EOS 5D Mark III è possibile effettuare la compensazione dell'esposizione da +/-5EV con incrementi di 1/3 o 1/2 stop. Questa funzione può essere combinata con l'auto exposure bracketing (AEB) in sequenze da due, tre, cinque o sette scatti.

OTTURATORE

L'otturatore della EOS 5D Mark III ha una durata di oltre il 50% superiore rispetto all'otturatore dei suoi predecessori, con oltre 150.000 attivazioni, e offre inoltre un ritardo dell'otturatore notevolmente inferiore, fino a 59 ms.


Durata dell'otturatore

Per soddisfare l'uso professionale della fotocamera, anche la durata dell'otturatore è stata aumentata, passando dai 100.000 cicli della EOS 5D Mark II fino alle 150.000 attivazioni della EOS 5D Mark III.

Velocità dell'otturatore

La gamma di velocità dell'otturatore della EOS 5D Mark III è pari a 30-1/8000 sec (con incrementi di 1/2 o 1/3 stop), oltre allo scatto BULB (la gamma di velocità dell'otturatore varia in base alla modalità di scatto).

Ritardo dell'otturatore

Una richiesta degli utenti della EOS 5D Mark II era di ridurre il ritardo dell'otturatore. Questo suggerimento è stato incorporato nella EOS 5D Mark III e il ritardo è stato ridotto a 59 ms, quasi pari ai 55 ms del ritardo standard dell'otturatore della reflex digitale EOS-1D X.

Modalità output ad alta velocità a 8 canali

Sebbene i meccanismi che gestiscono i movimenti di otturatore e specchio siano importanti per raggiungere un'elevata velocità di elaborazione dei fotogrammi, anche i dati non sono da meno. Il sensore a pieno formato da 22,3 megapixel che consente di scattare fino a sei fotogrammi al secondo produce uno stream ampio del segnale (circa 200 MB/sec) che deve essere rimosso rapidamente dal sensore. Per consentire ciò, la EOS 5D Mark III utilizza processori doppi front-end analogico/digitali (A/D) a 4 canali che garantiscono una modalità di output a 8 canali ad alta velocità, circa 1,5 volte più veloce del sistema di lettura della EOS 5D Mark II. Queste unità A/D consentono il passaggio dei dati al processore d'immagine DIGIC 5+ della fotocamera.

Sistema motorizzato

 

Fare clic sulla finestra sovrastante per guardare un filmato che mostra il meccanismo di rimbalzo dello specchio della EOS 5D Mark III.

Partendo dalla velocità di elaborazione dei fotogrammi della EOS 5D Mark II (3,9 fotogrammi al secondo), l'incremento fino a un massimo di 6 fps, non potrà fare altro che entusiasmare molti fotografi, specialmente coloro che scattano una varietà di soggetti, sia statici che in movimento.

Per affrontare la maggiore velocità di elaborazione dei fotogrammi, il sistema di gestione della EOS 5D Mark III è stato progettato utilizzando parte della tecnologia del modello EOS 7D e due motori indipendenti: uno per gestire lo specchio e uno per gestire l'otturatore. Garantire la stabilità dell'immagine nel mirino e la staticità dell'immagine proiettata al sensore AF è un requisito fondamentale per gli scatti ad alta velocità. A questo scopo la EOS 5D Mark III utilizza un doppio bilanciatore per evitare il rimbalzo dello specchio principale e un meccanismo di assorbimento per interrompere istantaneamente il rimbalzo del submirror.

Scatto ad alta velocità e silenzioso

 

Schermata del menu della EOS 5D Mark III che mostra la modalità di scatto continuo silenzioso che può funzionare fino a 3 fps.

Le modalità Drive della EOS 5D Mark III includono lo scatto continuo ad alta velocità e lo scatto silenzioso. La modalità Drive ad alta velocità consente di scattare fino a un massimo di sei fotogrammi al secondo (in entrambe le modalità AF a scatto singolo e AF AI Servo), garantendo comunque la stabilità dell'immagine nel mirino. Proprio come la EOS 5D Mark II e la EOS 7D, la EOS 5D Mark III utilizza la stessa batteria ai polimeri di litio LP-E6 che è in grado di fornire una corrente continua fino a quando è esaurita, in modo che la velocità di elaborazione dei fotogrammi non si riduca man mano che la batteria si consuma.

Nella modalità di scatto continuo silenzioso l'otturatore della fotocamera e l'azione di riflesso dello specchio sono gestite più lentamente e silenziosamente, fino a una velocità massima di scatto continuo di 3 fps. La funzione di scatto silenzioso sarà particolarmente utile ai fotografi dei matrimoni e ai fotoreporter, che cercano di essere discreti e di attirare l'attenzione il meno possibile.

SCATTO

La EOS 5D Mark III offre una serie di modalità di scatto che garantiscono risultati ottimali in termini di contrasto, tonalità, nitidezza, saturazione, bilanciamento del bianco e numerosi altri parametri.


Sistema di rilevamento automatico della scena EOS

Come già accadeva nella EOS 600D, anche la EOS 5D Mark III è dotata del Sistema di rilevamento automatico della scena, che analizza automaticamente le condizioni di scatto in rapporto a viso del soggetto, colore, luminosità, movimento, contrasto e distanza di messa a fuoco.

Oltre alle normali impostazioni Stile Foto (Standard, Paesaggio, Ritratto, Neutro e Monocromo), è disponibile anche l'impostazione automatica. In base alle informazioni sulla scena raccolte dal sistema di rilevamento automatico EOS, Auto Picture Style consente alla fotocamera di personalizzare contrasto, tonalità, nitidezza e saturazione per ottenere risultati ottimali. Si tratta di un'impostazione ideale per qualsiasi tipo di scatto, ma particolarmente efficace per immagini naturalistiche e di paesaggi oltre che per gli scatti realizzati al tramonto.

Il sistema di rilevamento automatico della scena EOS viene inoltre utilizzato per migliorare la precisione delle impostazioni di bilanciamento del bianco. Queste modifiche sono più evidenti nei ritratti e nelle foto scattate al tramonto, in quanto le tonalità della pelle vengono registrate più fedelmente e i colori del tramonto risultano più vividi. Sono inoltre evidenti quando le immagini presentano sorgenti luminose caratterizzate da temperatura colore bassa come nel caso di luci al tungsteno. In precedenza, queste scene solitamente avevano come risultato immagini dalle intense sfumature gialle o arancioni. Questo effetto risulta decisamente ridotto con la EOS 5D Mark III, permettendo quindi di ottenere immagini molto più naturali.

Ottimizzazione automatica della luce (Auto Lighting Optimizer, ALO)

 

La schermata della EOS 5D Mark III che illustra le impostazioni del menu di ottimizzazione automatica della luce.

L'Ottimizzazione automatica della luce, una caratteristica comune a molti modelli reflex digitali EOS di Canon, è stata migliorata per offrire risultati più accurati per gli scatti al tramonto, di scene ad elevata saturazione o scene con riflessi che possono facilmente risultare sovraesposte. Questa funzione è particolarmente efficace in presenza di soggetti retroilluminati dove l'esposizione automatica potrebbe avere come conseguenza la sottoesposizione del soggetto. Utilizzando l'impostazione ALO, è possibile ottenere un bilanciamento dell'esposizione ottimale all'interno dell'intero fotogramma anche, ad esempio, per i ritratti retroilluminati.


Modalità di scatto personalizzate

 

Schermata della EOS 5D Mark III che mostra il menu delle modalità di scatto personalizzate.

Come gli altri modelli della gamma EOS, la EOS 5D Mark III integra modalità di scatto personalizzate. A tale scopo, sono disponibili 3 modalità C: C1, C2 e C3, che consentono di memorizzare le impostazioni utilizzate più frequentemente per richiamarle rapidamente. Tuttavia, rispetto alle precedenti applicazioni presenti in altri modelli della stessa gamma, se durante lo scatto viene apportata una modifica alle impostazioni, le modalità C memorizzate verranno aggiornate automaticamente. Ciò evita il ripristino delle impostazioni memorizzate se la fotocamera si spegne dopo un breve periodo di inutilizzo.


FILMATI FULL HD

A partire dall'introduzione della ripresa di filmati full HD nella EOS 5D Mark II, nel 2008, questa funzione ora è incorporata in ogni modello di reflex digitale EOS. Nella EOS 5D Mark III le opzioni di ripresa e audio sono state ulteriormente migliorate.


Velocità di elaborazione dei fotogrammi

Poiché la ripresa di filmati HD è così importante, la EOS 5D Mark III è dotata di tutte le caratteristiche della EOS-1D X per quanto riguarda la registrazione di filmati, ma include anche una presa per cuffie per il controllo audio. Ciò si traduce nella possibilità di scattare con risoluzione pari a 1920x1080 a 24, 25 e 30 fps, e 1280x720 a 50 e 60 fps. I livelli audio possono essere inoltre controllati manualmente e in modo silenzioso durante la ripresa e la gamma ISO per la ripresa di filmati va da ISO 100 a 25.600.

Metodi di compressione dei filmati

 

Schermata del menu della EOS 5D Mark III che mostra le opzioni della velocità di elaborazione dei fotogrammi per la ripresa di filmati.

Per quanto concerne le riprese di filmati, rispetto alla EOS 5D Mark II, la novità maggiore consiste nella possibilità di scegliere tra due diversi metodi di compressione, IPB o ALL-I, in base alle proprie esigenze. Come accadeva già con la EOS-1D X, la fotocamera registra ancora i filmati utilizzando il codec H.264, ma il tipo di compressione all'interno del codec è stato modificato.

Durante la registrazione di un filmato, i fotogrammi acquisiti vengono solitamente suddivisi in fotogrammi chiave o intraframe e fotogrammi dedotti in modo predittivo. Gli intraframe vengono utilizzati come fotogrammi di riferimento per coadiuvare la compressione.

Il primo tipo di compressione disponibile è IPB. La lettera B dell'acronimo IPB indica che la compressione è "Bidirezionale". Con il metodo IPB, viene eseguita una compressione differenziale mediante la previsione del contenuto dei fotogrammi futuri in riferimento ai fotogrammi acquisiti in precedenza e ai fotogrammi successivi. Analogamente al metodo di compressione IPP, utilizzato nelle precedenti reflex digitali EOS prima della EOS-1D X, alcuni dati vengono memorizzati in un gruppo di immagini (GOP, Group Of Pictures) per indicare che l'editing fotogramma per fotogramma avrà come conseguenza una qualità dell'immagine inferiore. Quando si utilizza la funzione di editing IPB disponibile sulla fotocamera, è possibile tagliare i video solo con incrementi di un secondo ciascuno.

Il secondo metodo di compressione è progettato per gli utenti che utilizzano sistemi di editing professionali o per coloro che desiderano una qualità eccellente. Questo metodo di compressione è denominato ALL-I. ALL-I è un sistema basato su "Intra-coded Frame" che si distingue dai metodi IPB e IPP in quanto tutti i fotogrammi acquisiti vengono trattati come intraframe o fotogrammi chiave. Anche se ciascun fotogramma viene compresso, non viene applicata un'ulteriore compressione in quanto ogni fotogramma viene trattato come un'immagine individuale.

 

Schermata del menu filmato della EOS 5D Mark III che mostra le dimensioni di registrazione dei filmati e l'impostazione silenziosa.

Durante le riprese con metodo ALL-I, le dimensioni del file possono essere fino a tre volte superiori rispetto a IPB ed è più facile modificare un singolo fotogramma senza compromettere la qualità dell'immagine. Nonostante le dimensioni superiori del file, il filmato compresso ALL-I richiede meno potenza di elaborazione da parte del computer rispetto a IPB o IPP e, di conseguenza, viene riprodotto in modo più fluido anche su computer con specifiche tecniche non eccellenti. Ciò è possibile in quanto non è necessario alcun processo di rendering per estrapolare i dati dai GOP utilizzati nei metodi IPP e IPB.

Dimensione e lunghezza dei filmati

Come la EOS-1D X, la EOS 5D Mark III offre la capacità di registrare in modo continuo per oltre i 12 minuti delle precedenti fotocamere EOS (dovuti al limite del file da 4 GB delle schede di memoria con formato FAT 32). In base alle normative legali, la lunghezza massima totale del filmato HD non può superare i 29 minuti e 59 secondi. Questa modifica della lunghezza dei filmati è stata introdotta grazie alla capacità della EOS 5D Mark III di iniziare automaticamente nuovi file. Una volta raggiunto il limite di 4 GB, la fotocamera inizia a creare un nuovo file senza interrompere la registrazione del filmato. Sulla scheda di memoria sono presenti più file di dimensioni pari a 4 GB che vengono riprodotti consecutivamente fino al limite di 29 minuti e 59 secondi. Sulla fotocamera è necessario riprodurre singolarmente ogni file da 4 GB. Per comunicare la creazione di un nuovo file da 4 GB, il tempo di registrazione o il time code visualizzato sulla schermata di ripresa lampeggerà per circa 30 secondi prima che il file raggiunga il limite di 4 GB.

Time code

Vista la grande richiesta da parte di un'utenza professionale, adesso la EOS 5D Mark III, così come già avveniva con la EOS-1D X, integra il time code standard Hour:Minute:Second:Frame (Ora:Minuto:Secondo:Fotogramma) come definito dalla Society of Motion Picture and Television Engineers (SMPTE). Il conteggio dei fotogrammi va da 00 a 29 pertanto, se si sta registrando a 30 fps: ovvero, i fotogrammi vengono contati fino a 29 e al 30° fotogramma viene aggiunto 1 secondo per azzerare il contatore.

 

Schermata del menu time code della EOS 5D Mark III.

Il time code può essere impostato in quattro modi diversi. L'impostazione predefinita è Count Up. All'interno di Count Up, è possibile scegliere una delle seguenti opzioni Rec. Run o Free Run. Con Rec. Run, il time code avanza solamente durante la registrazione di un filmato. è utile durante la ripresa con una fotocamera singola in quanto consente di organizzare i clip in ordine cronologico. In Rec. Run, il time code prosegue anche se la scheda di memoria viene sostituita con una nuova. Dato che viene registrato l'intero tempo di ripresa, il conteggio non verrà azzerato anche se un file viene eliminato o in seguito alla formattazione della scheda di memoria.

In Free Run, il time code proseguirà il conteggio anche quando nessun file viene registrato. è una funzione utile durante le riprese con più fotocamere. Durante l'editing dei filmati, i clip possono essere organizzati in ordine cronologico.

La seconda opzione delle impostazioni del time code è "Impostazione tempo iniziale". In questo caso, è possibile definire il time code di inizio in formato HH:MM:SS:FF utilizzando l'opzione di input manuale. è inoltre possibile azzerare il time code (00:00:00:00) utilizzando la funzione di ripristino oppure impostare il time code sull'orario corrente della fotocamera utilizzando i campi HH:MM:SS.

La terza opzione è Cont. reg. video con le opzioni Tempo reg. e Time Code. In Tempo reg., il tempo trascorso dall'inizio della registrazione del video viene visualizzato sul pannello LCD posteriore durante la ripresa. Con Time Code, il time code viene visualizzato durante la registrazione.

L'ultima opzione è "Cont. ripr. video" e comprende due opzioni, Tempo ripr. e Time Code, che determinano cosa viene visualizzato durante la riproduzione del filmato sulla fotocamera. In Tempo ripr., il tempo trascorso dall'inizio della registrazione viene visualizzato sul pannello LCD posteriore durante la riproduzione. Con l'impostazione Time Code, il time code associato viene visualizzato durante la riproduzione.

Controllo audio

 

I terminali di uscita sul lato sinistro del corpo della EOS 5D Mark III, incluso il jack per le cuffie (in alto a destra).

Così come la EOS-1D X, la EOS 5D Mark III è dotata di un microfono interno in grado di acquisire audio mono a 16 bit e 48 KHz oltre a un ingresso audio stereo da 3,5 mm per la registrazione a 48 KHz. Inoltre, integra la possibilità di controllare manualmente il livello dell'audio durante la ripresa mediante la visualizzazione di una metrica del livello audio in presa diretta sullo schermo posteriore durante le riprese e la possibilità di regolare il livello di registrazione audio durante le riprese.

Per evitare di registrare anche i "clic" durante la regolazione delle impostazioni audio, le regolazioni vengono effettuate utilizzando la funzione Controllo silenzioso disponibile all'interno del selettore a controllo rapido. Questo pannello a sfioramento può essere utilizzato anche per regolare altre impostazioni in modo silenzioso durante la registrazione del filmato, comprese velocità dell'otturatore, apertura, ISO e compensazione dell'esposizione.

Come supporto all'audio registrato, la EOS 5D Mark III, per la prima volta su una reflex digitale EOS, è dotata di un jack per cuffie che consente di ascoltare l'audio tramite le cuffie durante la registrazione.

Scarto fotogrammi

Durante le riprese a 30 o 60 fps, la velocità effettiva di elaborazione dei fotogrammi non è un numero intero, ma 29,97 fps e 59,94 fps rispettivamente. Utilizzando l'impostazione del menu Scarta fotogramma, è possibile selezionare se contare il numero di fotogrammi registrati come numero intero (30 o 60 fps) o se compensare la differenza tra il numero effettivo di fotogrammi e il numero di fotogrammi contati.

Ad esempio, se si registra per 10 minuti a 29,97 fps, il numero totale di fotogrammi registrati è 17.982. Tuttavia, se il conteggio viene effettuato come 30 fps, il numero totale di fotogrammi registrati è pari a 18.000. Ciò potrebbe causare errori durante il confronto tra il tempo di riproduzione e il time code in HH:MM:SS:FF. Quanto più breve è il video, meno importante diventa la differenza nel conteggio dei fotogrammi totali.

 

Le regolazioni della funzione Controllo silenzioso dei livelli audio possono essere effettuati tramite la ghiera di controllo rapido sul retro della EOS 5D Mark III.

 

Schermata del menu Scarta fotogramma della EOS 5D Mark III.


Per i video più lunghi, questa differenza può diventare molto significativa e, in tal caso, si consiglia di attivare l'impostazione Scarta fotogramma. In questo caso, il conteggio dei fotogrammi eliminerà due fotogrammi al minuto di modo che il numero di fotogrammi contati corrisponda al numero effettivo. Ciò non significa che i due fotogrammi verranno effettivamente eliminati, ma semplicemente che il contatore eliminerà due fotogrammi dal totale. Ciò avverrà ogni minuto dal minuto uno al minuto nove. Per il minuto dieci, il contatore considera 1800 fotogrammi (invece dei 1798 effettivi): in altre parole, non elimina i due fotogrammi dal contatore per il minuto in questione. In questo modo, i fotogrammi effettivi registrati e il contatore visualizzeranno lo stesso numero ogni dieci minuti e, di conseguenza, anche il tempo di riproduzione e il time code corrisponderanno.

Miniature

Con i modelli EOS precedenti, quando i file .MOV registrati dalla reflex digitale EOS venivano copiati su scheda di memoria, non era possibile riprodurre i file sulla fotocamera in assenza dei file miniatura in formato .THM. Questo limite è stato superato nella EOS 5D Mark III in quanto i metadati adesso vengono scritti direttamente sul file .MOV consentendo alla fotocamera di decodificare il file e riprodurlo anche in assenza del file .THM.

MIRINO E SCHERMO LCD

Grazie a un mirino 100% e a uno schermo posteriore Clear View LCD II da 8,11 cm (3,2”) a 1,04 milioni di punti, la EOS 5D Mark III offre opzioni eccezionali per la composizione e la riproduzione delle immagini.


Mirino

Il mirino della EOS 5D Mark III è simile a quello della EOS-1D X. Sebbene l'ingrandimento sia pari a quello della EOS 5D Mark II (0,71x), l'eye-point ora è di 22 mm e la copertura è del 100% circa. Inoltre, il nuovo design integra un display a cristalli liquidi (LCD) traslucido come quello della EOS 7D. La EOS 5D Mark III ora utilizza anche lo stesso oculare più ampio presente nei modelli EOS-1D X e EOS 7D.

Il Display LCD traslucido consente alla fotocamera di visualizzare più informazioni essenziali all'interno del mirino, compresi i 61 punti AF, e i punti AF a zona, spot e ad espansione oltre a una griglia quando necessario. Quando la fotocamera è spenta, il display è di colore biancastro a causa della dispersione della luce, ma una volta accesa, il display diventa nitido. Per evitare di congestionare il display, è possibile scegliere le informazioni visualizzate o disattivarne completamente la visualizzazione.

Rispetto al mirino della EOS 7D, quello della EOS 5D Mark III è stato progettato per poter essere utilizzato in condizioni ambientali ancora più difficili e garantire un migliore funzionamento a temperature inferiori a 0 °C. Inoltre, il consumo energetico dello schermo LCD è minimo e non influisce sulla durata della batteria.

 

Diagramma che illustra le informazioni disponibili all'interno del mirino della EOS 5D Mark III.

Dato che il display LCD traslucido non è in grado di produrre luce, il mirino integra LED di colore rosso che consentono di illuminare l'intero LCD in condizioni di scarsa illuminazione. Per impostazione predefinita, i LED rossi si accendono automaticamente in condizioni di scarsa illuminazione; tuttavia, possono essere impostati affinché siano sempre accesi o sempre spenti utilizzando le impostazioni all'interno dell'area del menu AF.

Clear View LCD II

La EOS 5D Mark III adesso integra uno schermo posteriore Clear View LCD II più ampio, con le stesse dimensioni, la stessa risoluzione e la stessa struttura dello schermo presente sulla EOS-1D X. Le dimensioni dello schermo sono 8,11 cm (3,2”) e la risoluzione è stata aumentata dai 920.000 punti della EOS 5D Mark II a 1,04 milioni di punti. La costruzione non prevede spazi tra il coperchio in vetro protettivo e l'unità LCD, eliminando così l'interfaccia aria-vetro e riducendo rifrazioni e riflessi. La superficie del coperchio in vetro integra lo stesso rivestimento anti-riflesso.

Livello elettronico a 2 assi

 

Visualizzazione del livello elettronico a 2 assi mostrato durante lo scatto Live View.

Novità assoluta su EOS 7D e EOS-1D X, anche EOS 5D Mark II integra un livello elettronico a 2 assi in grado di visualizzare un livello di allineamento, per i parametri di oscillazione longitudinale (pitch) e lungo l'asse della lunghezza (roll), sullo schermo LCD posteriore e all'interno del mirino. Questa funzione è ideale per i fotografi di paesaggi e di architettura per assicurarsi che la fotocamera sia perfettamente in piano, per evitare problemi nelle riprese della linea dell'orizzonte o di allineamento della fotocamera con il soggetto. Inoltre, è utile per gli scatti in condizioni di scarsa illuminazione dove può essere difficile vedere i punti di riferimento utilizzando il mirino.

Sullo schermo LCD posteriore, il livello può visualizzare 360° per il parametro roll e +/-10° per il parametro pitch in incrementi di 1°. In modalità Live View, un display di dimensioni inferiori viene sovrapposto all'immagine. Il livello elettronico è preciso nell'intervallo compreso tra +/-1° e +/-10°. Tra +/-10° e +/-45° la precisione è di +/-3°.

FUNZIONAMENTO E STRUTTURA

La EOS 5D Mark III integra una serie di funzioni di gestione migliorate, tra cui il blocco della ghiera di selezione, comandi personalizzabili e una struttura solida e impermeabile per offrire la massima durata.


Comandi

Vista la grande richiesta sia da parte dei professionisti che degli appassionati di fotografia, la EOS 5D Mark III ora è dotata di un blocco della ghiera di regolazione, una funzione comparsa sul modello EOS 60D. Il blocco impedisce di urtare accidentalmente la ghiera e cambiare involontariamente la modalità.

Come per EOS 7D, ora l'interruttore ON/OFF invece che sul retro della fotocamera, si trova sulla parte superiore dietro la ghiera di selezione ed è presente un interruttore di blocco per disattivare la ghiera controllo rapido. Sulla EOS 5D Mark III, inoltre, è possibile utilizzare tale interruttore per bloccare individualmente la ghiera principale e il multicontrollo utilizzando una funzione personalizzata per determinare quali funzioni devono essere bloccate.

 

Vista del pannello posteriore e superiore della EOS 5D Mark III: il comando ON/OFF ora si trova dietro la ghiera di selezione sul lato sinistro del pannello superiore.

Da molti punti di vista, la EOS 5D Mark III si configura come l'unione tra la robustezza della EOS 5D Mark II e la semplicità d'uso della EOS 7D. Proseguendo con le analogie rispetto al modello EOS 7D, la EOS 5D Mark III integra inoltre una schermata Controlli personalizzati e un pulsante multifunzione che consente ai fotografi di personalizzare il funzionamento di ciascun pulsante per adattarlo alle proprie esigenze.

Funzioni personalizzate

Purtroppo, non è possibile costruire una fotocamera basata sulle esigenze specifiche di ogni singolo utente. Tuttavia, le funzioni personalizzate (C.Fn) messe a disposizione dalle fotocamere reflex digitali EOS consentono di modificare le funzioni della fotocamera in base alle specifiche esigenze di scatto o in base al tipo di utilizzo della fotocamera.

Per semplificare l'impostazione della fotocamera, sul modello EOS 5D Mark III tutte le funzioni AF sono state inserite in uno specifico menu di impostazione dedicato, separato dai menu delle funzioni personalizzate. In questo modo è stato possibile semplificare anche le funzioni personalizzate, che ora sono suddivise in tre gruppi distinti che gestiscono aree separate delle funzioni della fotocamera:

  • C.Fn 1 – Immagine
  • C.Fn 2 - Display/Operazione
  • C.Fn 3 - Altro

Struttura del corpo

 

Fare clic sulla finestra sovrastante per guardare un'animazione che illustra l'isolamento impermeabile della EOS 5D Mark III.

La struttura del corpo della EOS 5D Mark III è costituita da un insieme di materiali resistenti: la base d'acciaio a cui è attaccato il corpo esterno in lega di magnesio. La fotocamera è costruita in modo robusto per resistere a polvere e gocce, i pannelli del corpo macchina sono incastrati invece che semplicemente accostati e tutte le giunzioni, i pulsanti e i selettori sono dotati di guarnizioni in gomma. La protezione garantita dal design e dall'isolamento è pari a quella della macchina fotografica a pellicola EOS-1N, lo standard di riferimento per le altre fotocamere professionali.


ACCESSORI

Nella reflex digitale EOS 5D Mark III sono stati aggiunti due nuovi accessori, ovvero il dispositivo wireless di trasmissione file WFT-E7, con il modulo Bluetooth e il trasferimento di dati a velocità ancora più elevate, e l'unità GPS GP-E2.


Dispositivo wireless di trasmissione file WFT-E7

L'unità Wi-Fi WFT-E7 funziona come sui modelli precedenti (ad es. WFT-E2 II e WFT-E5), tuttavia, a differenza delle unità Wi-Fi precedenti, è costruita secondo un design universale che potrà essere utilizzato anche nei futuri modelli EOS. Come l'unità WFT-E6 per la EOS-1D X, l'unità WFT-E7 presenta due principali novità. La prima è il modulo Bluetooth. Il modulo è integrato nell'unità e consente di comunicare direttamente con i dispositivi GPS Bluetooth al fine di consentire all'utente di georeferenziare le immagini nei dati EXIF durante lo scatto. Si tratta di un modulo v2.1+EDR che offre la compatibilità con lo standard del settore. La seconda funzione nuova è la compatibilità con lo standard 802.11n che consente il trasferimento di dati a velocità ancora più elevate e consente di sfruttare appieno l'ultima generazione di router e punti di accesso Wi-Fi.

 

Il dispositivo wireless di trasmissione file WFT-E7 è inserito nel pannello inferiore della fotocamera reflex digitale EOS 5D Mark III e sarà compatibile con le prossime fotocamere EOS.

Come l'unità WFT-E6 per la EOS-1D X, l'unità WFT-E7 garantisce alla EOS 5D Mark III la capacità di scatto sincronizzato. Questo significa che una fotocamera principale con unità WFT-E7 può controllare fino a 10 fotocamere slave che dispongono anch'esse delle unità WFT e possono essere attivate dalla fotocamera principale anche a 100 metri di distanza. In questo modo, è possibile acquisire contemporaneamente l'immagine di un soggetto da molti punti di vista diversi. Inoltre, la funzione di scatto sincronizzato può essere controllata utilizzando le funzioni WFT server mediante una connessione web HTTP .

Con l'utilizzo del Server WFT integrato nell'unità WFT-E7, la fotocamera EOS 5D Mark III può essere controllata in modalità wireless mediante una connessione HTTP, utilizzando un browser Web. Questo significa che è possibile vedere ciò che vede la fotocamera e controllare impostazioni e funzioni di scatto attraverso un browser Web o anche un dispositivo tipo smartphone, iPod touch o iPhone.

Infine, come già accadeva per l'unità WFT-E6, utilizzando l'unità WFT-E7 è possibile sincronizzare le impostazioni temporali di diverse fotocamere EOS 5D Mark III. Questa funzione Multi Camera Time Sync è ideale quando è necessario riprendere un evento con più fotocamere, in quanto consente di organizzare rapidamente le immagini al termine delle riprese. Analogamente, quando più fotografi lavorano insieme per coprire un evento, la successiva organizzazione risulta molto semplificata ed è possibile raccontarne la storia in ordine cronologico.

Unità GPS GP-E2

 

L'unità GPS GP-E2 consente di georeferenziare le immagini con i dati sulla posizione che possono quindi essere memorizzati all'interno dei dati EXIF di ciascuna immagine.

Come l'unità WFT-E7, l'unità GPS GP-E2 è costruita secondo un design universale che la rende compatibile con i modelli EOS 5D Mark III, EOS-1D X e EOS 7D (con un aggiornamento del firmware), nonché con i futuri modelli EOS. Può essere montata sull'attacco a slitta della fotocamera, su una staffa dedicata oppure essere riposta nella borsa/tasca quando si trova in modalità logging. L'unità dispone di una bussola elettronica e di un ricevitore per segnale GPS con cui è possibile georeferenziare le immagini con i dati sulla posizione. Questi dati vengono memorizzati nel campo della posizione all'interno dei dati EXIF di ciascuna immagine.

Alimentata tramite una batteria AA, l'unità GPS può funzionare anche se non è connessa alla fotocamera e, in questo modo, può essere utilizzata per registrare gli spostamenti a intervalli prestabiliti che possono essere impostati. Questi dati registrati possono successivamente essere collegati alle immagini con la sovrapposizione di una mappa tramite il software in dotazione "Map Utility".

Così come l'unità GP-E1, anche l'unità GP-E2 può essere utilizzata per impostare con precisione l'orario della fotocamera utilizzando l'ora esatta dell'orologio atomico dai satelliti. Con il modello EOS-1D X, la precisione temporale può essere impostata a +/-0,02 sec., mentre sul modello EOS 5D Mark III, la precisione sarà di +/-1 sec.