Scegli la tua lingua
  • Deutsch

    Sämtliche Inhalte auf der CPN-Website sind auf Englisch verfügbar. Einige Inhalte, wie z. B. Produktbeschreibungen, aktuelle Produkteinführungen und einige technische Artikel, sind ebenfalls auf Deutsch, Spanisch, Französisch, Italienisch und Niederländisch erhältlich. Wählen Sie in der Liste oben Ihre Sprache aus, damit sämtliche darin verfügbaren Inhalte automatisch entsprechend Ihrer Wahl dargestellt werden. Ansonsten wird als Standardsprache Englisch verwendet.

  • English

    All content published on the CPN website is available in English. Some content – such as product descriptions, recent product launches and some technical articles – is also available in German, Spanish, French, Italian and Dutch. Choose your language from the list above and all content that is available in your language will automatically be displayed in your language, otherwise the default language will be English.

  • Español

    Todo el contenido publicado en la página web de CPN está disponible en inglés. Parte del contenido –como descripciones de producto, lanzamientos recientes de productos y algunos artículos técnicos– también están disponibles en alemán, español, francés, italiano e holandés. Elija su idioma en la lista anterior y todo el contenido que esté disponible en su idioma aparecerá automáticamente en ese idioma, o , si no, en el idioma predeterminado que es el inglés.

  • Français

    Tout le contenu publié sur le site Web de CPN existe en anglais. Une partie du contenu (comme les descriptions de produit, les lancements récents de produit et certains articles techniques) est également publié en allemand, en espagnol, en français, en italien et en néerlandais. Choisissez la langue dans la liste ci-dessus, et tout le contenu offert dans votre langue s’affiche automatiquement ; par défaut, le reste s’affiche en anglais.

  • Italiano

    Tutti i contenuti pubblicati sul sito CPN sono disponibili in inglese. Alcuni contenuti come descrizioni di prodotto, lanci di prodotti recenti e alcuni articoli tecnici sono disponibili anche in tedesco, spagnolo, francese, italiano e olandese. Seleziona la lingua dall'elenco in alto e automaticamente si visualizzeranno tutti i contenuti disponibili in quella lingua; diversamente la lingua di default sarà l’inglese.

  • Nederlands

    Alle inhoud die op de CPN-website wordt gepubliceerd, is beschikbaar in het Engels. Bepaalde inhoud, zoals productbeschrijvingen, onlangs gelanceerde producten en sommige technische artikelen, zijn ook beschikbaar in het Duits, Spaans, Frans, Italiaans en Nederlands. Kies de taal uit bovenstaande lijst, waarna alle inhoud die beschikbaar is in de gewenste taal, automatisch in die taal wordt weergegeven. Anders is Engels de standaardtaal.

Articoli tecnici

close movie

EOS 5DS & EOS 5DS R


Febbraio 2015

EOS 5DS e EOS 5DS R in breve

EOS 5DS e EOS 5DS R rappresentano una nuova linea di fotocamere reflex digitali EOS ad altissima risoluzione, dotate di sensori da 50,6 megapixel, ideali per i fotografi che desiderano realizzare immagini ricche di dettagli straordinari. Le nuove fotocamere avranno successo nella fotografia paesaggistica e in ambito architettonico, nonché nel settore commerciale o nei lavori editoriali di alto livello realizzati in studio. EOS 5DS e EOS 5DS R si trovano insieme al modello EOS 5D Mark III nella gamma EOS e integrano nuove tecnologie per offrire il meglio delle funzionalità di alta risoluzione.

Le due fotocamere differiscono soltanto per quanto riguarda la struttura dei relativi sensori. EOS 5DS presenta un filtro passa-basso davanti al sensore principale, che protegge da artefatti digitali quali moiré e falsi colori. Per questo motivo, il modello costituisce una scelta eccellente per la fotografia generica, quando sono richiesti file immagine ad alta risoluzione.

In EOS 5DS R l'effetto di questo filtro passa-basso è stato rimosso, con l'effetto di potenziare leggermente la nitidezza e la risoluzione dell'immagine, sebbene ciò comporti un maggiore rischio che appaiano nelle immagini effetti moiré e falsi colori. Per tale motivo, EOS 5DS R è consigliata ai fotografi specializzati in paesaggi o a quelli che preferiscono controllare rigorosamente le condizioni di scatto in uno studio fotografico.

In questo articolo, CPN offre uno sguardo alle funzionalità di entrambe le fotocamere e alle tecnologie alla base delle loro prestazioni. Fai clic sulle intestazioni di sezione riportate di seguito per saperne di più sulle fotocamere EOS 5D S e EOS 5DS R ad alta risoluzione.


SPECIFICHE TECNICHE CHIAVE

EOS 5DS e EOS 5DS R sono fotocamere reflex digitali con specifiche tecniche eccezionali ereditate dai modelli precedenti della leggendaria serie EOS 5D a cui sono state aggiunte specifiche tecniche aggiornate in modo significativo, in particolare per quanto riguarda i sensori da 50,6 megapixel per scattare foto.


  • EOS 5DS: sensore CMOS full frame da 50,6 megapixel con filtro passa-basso.
  • EOS 5DS R: sensore CMOS full frame da 50,6 megapixel con filtro per l'annullamento dell'effetto passa-basso.
  • Doppio processore di immagine "DIGIC 6".
  • 5 fotogrammi al secondo con velocità selezionabili per la raffica e modalità di scatto silenziosa.
  • Sistema AF con area ampia a 61 punti, inclusi 41 sensori a croce, con iTR di EOS, AF AI Servo III e strumento di configurazione AF.
  • Sensore di misurazione RGB+IR da 150.000 pixel; sistema di misurazione a 252 zone.
  • Circa Intelligent Viewfinder II con ingrandimento pari al 100% con overlay elettronico.
  • Schermo LCD Clear View II da 8,11 cm (3,2") ad alta risoluzione con 1,04 milioni di pixel.
  • Modalità di ritaglio 1,3x, 1,6x e rapporto 1:1 con visualizzazione della mascheratura del mirino.
  • Sistema di controllo delle vibrazioni dello specchio per ridurre le relative sfocature.
  • Stile foto "Fine Detail"; regolazione della nitidezza nella fotocamera: "Strength" (Potenza), "Threshold" (Soglia) e "Fineness" (Fine).
  • Doppio slot per schede di memoria CF e SD (UHS-I).
  • Correzione dell'illuminazione periferica e dell'aberrazione cromatica dell'obiettivo all'interno della fotocamera.
  • Esposizione multipla e modalità HDR nella fotocamera.
  • Schermo controllo rapido personalizzato.
  • +/-5 stop di compensazione dell'esposizione.
  • Resistenza agli agenti atmosferici.
  • Funzionalità timer integrata: timer BULB e timer di scatto a intervalli.
  • Funzione filmato time lapse.
  • USB 3.0 Super Speed per tethering e trasferimento di immagini/filmati ad alta velocità.
  • 150.000 cicli dell'otturatore.
  • Sensibilità ISO 100-6400; espandibile a ISO 50-12.800.
  • Ripresa di filmati in Full HD.
  • Connessione microfono.
  • Livello elettronico a due assi.
  • Compatibile con la maggior parte degli accessori per EOS 5D Mark III*

* Potrebbero essere necessari aggiornamenti firmware e cavi sostitutivi, per motivi di connettività USB 3.0.

 

EOS 5D S e EOS 5DS R presentano entrambe sensori full frame da 50,6 megapixel che offrono una qualità dell'immagine eccezionale nel corpo di una reflex digitale semplice da maneggiare.

QUALITÀ DELLE IMMAGINI, ELABORAZIONE E RIPRODUZIONE

EOS 5DS e EOS 5DS R si basano sul sensore CMOS full frame da 50,6 megapixel che offre nuovi livelli di qualità dell'immagine nella fotografia reflex digitale. I soggetti vengono acquisiti con dettagli incredibili e le dimensioni dei file sono abbastanza grandi per poter stampare formati enormi. Il doppio processore "DIGIC 6" garantisce colori precisi e sfumature naturali delle tonalità.


Sensore CMOS full frame da 50,6 megapixel

Il sensore CMOS full frame delle fotocamere EOS 5DS e EOS 5DS R offre almeno 50,6 megapixel e consente di ottenere file immagine di 8.688 x 5.792 pixel durante l'editing in fase di post produzione. Per questo tipo di dimensioni di file, i fotografi erano prima costretti a lavorare con fotocamere di medio formato più grandi, ma EOS 5DS e EOS 5DS R offrono questo livello di dettagli insieme alla praticità, velocità e flessibilità creativa di una reflex digitale.

 

Il sensore CMOS full frame di EOS 5DS e EOS 5DS R offre una maggiore sensibilità alla luce, la riduzione del disturbo dell'immagine a velocità ISO elevate e un'ampia gamma dinamica.

 

I sensori di EOS 5DS e EOS 5DS R sono dotati di microlenti gapless posizionate sopra ciascun fotodiodo per ottimizzare le capacità di raccolta della luce indipendentemente dall'angolo con cui questa arriva al sensore.


Il nome delle fotocamere segue quello dei precedenti modelli Canon EOS quali "EOS-1D/EOS-1DS", con l'aggiunta di una "S" per indicare una fotocamera ad alta risoluzione e con il significato di "Super" o "Superiore". Per agevolare l'individuazione del modello in cui è stato eliminato il filtro passa-basso, EOS 5DS R, è stata scelta la "R" di "Risoluzione", in modo da evidenziare la maggiore capacità di risoluzione rispetto a EOS 5DS.

Per ottenere una così alta quantità di pixel sul sensore 36x24 mm delle fotocamere, ogni fotodiodo deve essere molto più piccolo, fattore che presenta una vera sfida a livello ingegneristico. I miglioramenti apportati alla realizzazione del semiconduttore assicurano che la qualità dell'immagine non venga compromessa dall'eccessiva rumorosità digitale. Il sensore è dotato di microlenti gapless ottimizzate con una distanza ridotta dal fotodiodo per migliorare l'efficienza nella raccolta della luce. La progettazione del sensore consente anche a EOS 5DS e EOS 5DS R di offrire la stessa ampia gamma dinamica del modello EOS 5D Mark III.

 

Diagramma che mostra il percorso dei dati a 14 bit dai sensori delle fotocamere EOS 5DS e EOS 5DS R verso le schede di memoria tramite quattro convertitori analogico-digitale.

Output ad alta velocità a 16 canali

Scattare cinque fotogrammi da 50,6 megapixel al secondo rappresenta una sfida significativa a livello ingegneristico per quanto riguarda l'architettura elettronica all'interno di EOS 5DS e EOS 5DS R. Per poter gestire la vasta quantità di dati provenienti dal sensore delle fotocamere, viene utilizzato un sistema di lettura a 16 canali che trasferisce i dati RAW a 14 bit a quattro convertitori analogico-digitali. Questi convertitori passano i dati al doppio processore "DIGIC 6" delle fotocamere, dove vengono convertiti in file RAW e JPEG. Ciò fornisce il tipo di prestazioni rapide e reattive che ci si aspetta da fotocamere che registrano file molto più piccoli.

Quale fotocamera fa per me? EOS 5DS o EOS 5DS R?

È disponibile anche il modello EOS 5DS R: una variante con un filtro per l'annullamento dell'effetto passa-basso che offre una nitidezza e una risoluzione dell'immagine maggiori.

La progettazione tradizionale delle fotocamere digitali, incluso il resto della gamma EOS, si avvale di un filtro passa-basso per evitare che nelle immagini appaiano artefatti digitali, quali effetti moiré e falsi colori. Tali filtri funzionano ammorbidendo leggermente l'immagine in modo che i motivi ripetuti nel soggetto non coincidano con il motivo di pixel a griglia sul sensore. Tuttavia, questo effetto comporta un piccolo sacrificio in termini di nitidezza.

Con il filtro per l'annullamento dell'effetto passa-basso, EOS 5DS R può utilizzare completamente l'elevata risoluzione di 50,6 megapixel e in tal modo offrire la nitidezza necessaria quando serve. Ciò comporta un maggiore rischio di artefatti con motivi ripetuti: il risultato è che il modello EOS 5DS R è più adatto per utenti che lavorano in studio, dove è possibile controllare attentamente le condizioni, oppure per la fotografia di paesaggi e immagini naturalistiche che non presentano tali motivi regolari.

Invece di rimuovere fisicamente il filtro passa-basso dalla fotocamera EOS 5DS R, viene utilizzato un filtro per l'annullamento del relativo effetto. Ciò assicura che la distanza dall'innesto dell'obiettivo al sensore sia esattamente la stessa sia per il modello EOS 5DS che EOS 5DS R, in modo che le fotocamere abbiano lo stesso meccanismo del sensore AF e gruppo specchio.

 

Le reflex digitali EOS 5DS e EOS 5DS R utilizzano il doppio processore di immagine "DIGIC 6", il quale offre diversi vantaggi, tra cui la riproduzione incredibilmente precisa di colori e tonalità, nonché la bassa rumorosità a impostazioni ISO elevate.

Doppio processore di immagine "DIGIC 6"

EOS 5DS e EOS 5DS R si basano sul doppio processore "DIGIC 6", in grado di offrire prestazioni rapide e reattive, e gestire l'enorme quantità di dati RAW provenienti dai sensori delle fotocamere. La sofisticata elaborazione delle immagini assicura la riproduzione precisa di colori e sfumature di tonalità, oltre a limitare la rumorosità a impostazioni ISO elevate.

Sensibilità ISO

Anche con una risoluzione così elevata, EOS 5DS e EOS 5DS R offrono eccellenti prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione. È possibile impostare la sensibilità ISO standard tra 100 e 6400, per disporre della libertà creativa di utilizzare la combinazione più adatta di apertura e velocità dell'otturatore. Inoltre, quando la situazione lo richiede, le impostazioni di espansione estendono la gamma di scatto ISO tra 50 e 12.800.

Impostazioni di bilanciamento del bianco

EOS 5DS e EOS 5DS R presentano una scelta di impostazioni di bilanciamento del bianco automatico (AWB) con un diverso approccio alla luce artificiale:

  • "Priorità ambiente" ha lo scopo di mantenere alcune delle tonalità dei colori caldi provenienti da sorgenti di luce artificiale per conservare parte dell'atmosfera di una scena. Questa impostazione è simile a quella tradizionale AWB su altre fotocamere EOS.
  • "Priorità bianco" elimina la maggior parte del calore dall'illuminazione al tungsteno e cerca di offrire immagini con colori neutri dove è possibile. È la prima volta che questa impostazione viene inclusa in fotocamere EOS, e se si scatta con un'illuminazione proveniente da una sorgente luminosa con caratteristiche diverse dalle lampadine al tungsteno, si potrebbe non ottenere l'effetto desiderato.

 

Le impostazioni di bilanciamento del bianco automatico "Priorità ambiente" e "Priorità bianco" di EOS 5DS e EOS 5DS R offrono scelte diverse per scatti in condizioni di illuminazione artificiale.

Correzione delle immagini all'interno della fotocamera

Per ottimizzare la qualità dell'immagine proveniente dai sensori ad alta risoluzione di EOS 5DS e EOS 5DS R sono disponibili due tipi di correzione delle immagini quando si scattano immagini JPEG. La prima è la correzione dell'illuminazione periferica, che corregge il calo della luce verso i bordi del fotogramma, per garantire un'esposizione omogenea. La seconda, la correzione dell'aberrazione cromatica, rimuove tutte le aberrazioni cromatiche o gli aloni da bordi a contrasto elevato. Queste tecnologie lavorano in sinergia per garantire il più alto livello di prestazioni degli obiettivi Canon quando si scatta con le fotocamere EOS 5DS e EOS 5DS R dalle ottiche sofisticate.

 

Le reflex digitali EOS 5DS e EOS 5DS R sono dotate di slot per schede SD e CF per l'utilizzo di veloci schede UDMA 7 e consentono una scrittura rapida fino a 167 MB al secondo.

Schede di memoria

EOS 5DS e EOS 5DS R utilizzano veloci schede di memoria UDMA 7 per la scrittura rapida di file immagine di grandi dimensioni, in modo da tenere libere le fotocamere per poter continuare a scattare. Permettono una velocità in scrittura fino a 167 MB al secondo. È ora incluso anche il supporto di schede di memoria SD UHS-I, che offre velocità di scrittura SD più rapide rispetto al modello EOS 5D Mark III; pertanto, puoi utilizzare due dei formati di schede di memoria più diffusi al mondo. Configura le fotocamere per scrivere lo stesso file su entrambe le schede, in modo da avere un backup durante gli spostamenti, oppure i file JPEG su una scheda e i file RAW su un'altra. Puoi anche semplicemente configurare una scheda SD come riserva, in modo da non dover interrompere gli scatti per cambiare schede nei momenti più interessanti.

Riproduzione dell'immagine

Rivedere le immagini sullo schermo Clear View LDC II da 1,04 milioni di punti delle fotocamere è un vero piacere. Mentre rivedi le immagini puoi sovrapporre le linee della griglia per controllare la composizione e l'allineamento e quindi eseguire lo zoom per ingrandire toccando un pulsante per verificare la nitidezza necessaria. Il comando dell'ingrandimento funziona come nei modelli EOS-1D X e EOS 5D Mark III e consente di eseguire immediatamente lo zoom a un livello predefinito (ingrandimento 1x, 2x, 4x, 8x o 16x o dimensione reale). Il livello massimo predefinito è stato aumentato da 10x a 16x e continua a fornire un ingrandimento del 100% circa con le nuove immagini dal più elevato numero di megapixel.

Quando è necessario rivedere le foto, un'opzione di visualizzazione comparativa a due immagini consente di mostrare due foto accostate. Premendo il pulsante SET si passa da un'immagine all'altra e la ghiera principale, la ghiera di controllo rapido e il pulsante di controllo dello zoom sono utilizzati normalmente per ingrandire e modificare l'immagine.

Sistema integrato di pulizia EOS

Il sistema integrato di pulizia EOS (EICS) è stato introdotto per la prima volta con EOS 400D nel 2006 e si è evoluto fino a diventare un metodo altamente efficace per gestire la polvere sui sensori, la quale può compromettere la qualità dell'immagine se non viene controllata.

Il sistema EICS funziona in base a tre principi: ridurre innanzitutto la formazione di polvere; respingere la polvere dalla superficie del sensore; infine, rimuovere ogni eventuale deposito di polvere. EOS 5DS e EOS 5DS R includono un rivestimento in fluoro che respinge la polvere, mentre per scuotere la polvere dalla superficie del sensore vengono utilizzate vibrazioni ultrasoniche.

Il sistema EICS non è soltanto meccanico, ma utilizza anche un elemento presente nel software Digital Photo Professional (DPP), in dotazione con EOS 5DS e EOS 5DS R, per rimuovere la polvere più resistente.


Creatività all'interno della fotocamera

L'acquisizione contemporanea di file RAW e JPEG consente agli utenti di realizzare un file per la post produzione e un altro che può essere utilizzato per i layout di prove di stampa, l'editing da parte di clienti e lo sviluppo di idee. EOS 5DS e EOS 5DS R offrono nuovi livelli di controllo sui file JPEG all'interno della fotocamera e, pertanto, meno sorprese per te e per il tuo team creativo mentre realizzate i vostri scatti.


Scatto con ritaglio

 

Schermata del menu che mostra le opzioni di ritaglio, che includono 1:1, 1,3x, 1,6x, 4:3 e 16:9, disponibili nelle reflex digitali EOS 5DS e EOS 5DS R. I formati 4:3 e 16:9 sono disponibili solo quando si utilizza la modalità Live View.

EOS 5DS e EOS 5DS R ti consentono di scegliere fra tre opzioni di ritaglio visualizzate nel mirino per aiutarti nella composizione, con la possibilità di scegliere se visualizzarle come evidenziate oppure come area mascherata. Le immagini JPEG sono acquisite con l'impostazione di ritaglio selezionata, mentre i file RAW sono acquisiti in full frame con il ritaglio visualizzato in DPP, per consentire successivamente la regolazione fine.

I ritagli 1,3x e 1,6x sono utili quando non è disponibile un teleconvertitore. Gli scatti con ritagli 1,3x offrono foto da 30,5 megapixel, mentre l'opzione di ritaglio 1,6x fornisce foto da 19,6 megapixel. Un'impostazione di rapporto dimensionale 1:1 consente la composizione precisa di immagini con fotogramma quadrato, per ottenere un formato simile a quello utilizzato da alcune fotocamere di medio formato. Gli ulteriori formati 4:3 e 16:9 sono disponibili solo quando si scatta utilizzando la modalità Live View delle fotocamere.


Controllo della nitidezza

Una nuova modalità di Stile foto, Fine Detail, consente di ottimizzare la quantità di dettagli acquisiti dai sensori da 50,6 megapixel delle fotocamere. Questa impostazione dà la priorità alla gradazione di tonalità e mette in risalto il massimo dei dettagli. La saturazione è simile allo Stile foto Standard ma il contrasto è inferiore rispetto a quello usato nell'impostazione Standard. La modalità Fine Detail è adatta per le immagini che verranno utilizzate direttamente dalla fotocamera, senza post produzione.

 

Schermata del menu Stile foto che mostra l'opzione Fine Detail delle reflex digitali EOS 5DS e EOS 5DS R selezionata.

Tutte le opzioni Stile foto di EOS 5DS e EOS 5DS R presentano ora tre parametri di nitidezza regolabili, che offrono un maggiore controllo sulla nitidezza eseguito nella fotocamera su file JPEG. I parametri sono simili a quelli che si trovano nel filtro Maschera definizione dettagli in Adobe Photoshop e nel software DPP di Canon:

  • La barra di scorrimento "Strength" (Potenza) regola la quantità di nitidezza applicata ai bordi dell'immagine.
  • La barra di scorrimento "Fineness" (Fine) stabilisce la dimensione dei dettagli che vengono resi nitidi. Spostarla verso sinistra per rendere nitidi i dettagli più piccoli.
  • La barra di scorrimento "Threshold" (Soglia) specifica la quantità di contrasto necessaria in una parte della foto prima che venga considerata un bordo e resa nitida. Con impostazioni basse, è possibile rendere nitidi anche i bordi sottili.

Funzioni timer integrate

EOS 5DS e EOS 5DS R presentano un timer intervallo integrato, che è possibile utilizzare per scattare foto in un periodo di tempo preprogrammato. È un modo eccezionale per registrare una scena che si svolge lentamente, come i cambiamenti in un paesaggio, in edifici o perfino nel cielo notturno. È possibile impostare intervalli brevi da un minimo di 1 secondo o lunghi fino a 99 ore, 59 minuti e 59 secondi.

Le fotocamere presentano inoltre una nuova modalità filmato time lapse, che scatta foto a intervalli specifici prima di combinarle all'interno della fotocamera per creare un filmato che viene salvato nella scheda di memoria della fotocamera come file .mov. È possibile acquisire automaticamente fino a 3.600 fotogrammi e unirli in una sola clip, con intervalli che vanno da 1 secondo a 99 ore, 59 minuti e 59 secondi. Vedere la sezione "Filmati Full HD" di questo articolo per ulteriori informazioni sull'utilizzo di questa funzione.

 

Fai clic sulla finestra qui sopra per vedere il breve filmato "Una giornata a Tokyo" creato utilizzando la modalità filmato time lapse di EOS 5DS.

Il timer può inoltre controllare la durata delle esposizioni posa, per consentire l'utilizzo di velocità dell'otturatore molto prolungate, fino a 99 ore, 59 minuti e 59 secondi (oltre quattro giorni).

Rilevamento degli sfarfallii


 

Il diagramma qui sopra mostra come EOS 5DS e EOS 5DS R possono contrastare esposizioni irregolari e banding dei colori causati dallo sfarfallio della sorgente luminosa.

Gli scatti con una velocità dell'otturatore elevata e con luce artificiale possono comportare esposizioni irregolari e banding dei colori, causati da cambiamenti di luminosità in seguito allo sfarfallio della sorgente luminosa. Lo sfarfallio si verifica di solito a 100 Hz o 120 Hz, in base al tipo di alimentazione di rete.

EOS 5DS e EOS 5DS R sono dotate di una tecnologia di rilevamento degli sfarfallii simile a quella presente nel modello EOS 7D Mark II. Quando viene rilevato uno sfarfallio di 100 Hz o 120 Hz, le fotocamere regolano il tempo di ogni esposizione per farlo corrispondere a una luminosità massima, al fine di garantire un'esposizione costante e il bilanciamento del bianco tra i fotogrammi. In modalità Scena Smart Auto, entra in funzione automaticamente la modalità di scatto anti-sfarfallio senza alcun intervento da parte del fotografo.

Scatto con esposizione multipla

 

Un'immagine creata utilizzando l'impostazione di scatto con esposizione multipla delle reflex digitali EOS 5DS e EOS 5DS R.

EOS 5DS e EOS 5DS R consentono di impilare fino a nove fotogrammi uno sull'altro all'interno della fotocamera, appena vengono acquisiti. L'immagine composita che ne risulta può essere salvata come file JPEG oppure RAW. L'acquisizione con esposizione multipla può essere effettuata in alcuni modi diversi e ogni metodo è adatto a uno scenario creativo differente.

  • In modalità Additive (Additiva) lo scatto con esposizione multipla è molto simile a quello con una macchina fotografica a pellicola: l'esposizione totale dell'immagine complessiva è una somma dei fotogrammi componenti. Ciò significa che ogni fotogramma deve essere sottoesposto o contro uno sfondo nero, per poter ottenere il risultato finale corretto.
  • L'impostazione Average (Media) regola automaticamente ogni fotogramma componente in modo che il risultato finale sia corretto. A differenza dell'impostazione Additive (Additiva), le immagini scattate con l'impostazione media sono acquisite con la stessa impostazione dell'esposizione, che è stabilita dal primo fotogramma.
  • L'impostazione Comparative Bright (Luminosa - Comparativa) è adatta per oggetti illuminati contro uno sfondo scuro, come una luna splendente che attraversa il cielo notturno. Con questa impostazione, solo gli oggetti più luminosi di ogni immagine vengono trasferiti nel fotogramma finale.
  • L'impostazione Comparative Dark (Scura - Comparativa), al contrario, è utilizzata per sovrapporre le parti scure della scena, eliminando le parti luminose dai fotogrammi successivi. Questa può essere utilizzata per eliminare i riflessi di superfici trasparenti, lasciando trasparire i dettagli sottostanti.

HDR nella fotocamera


 

Esempio di un'immagine HDR creata mediante tre esposizioni utilizzando l'impostazione creativa Art Embossed (Artistico marcato) delle reflex digitali EOS 5DS e EOS 5DS R.

Oltre allo scatto con esposizione multipla, con EOS 5D S e EOS 5DS R è possibile combinare differenti esposizioni per estendere la gamma dinamica delle immagini JPEG. Le fotocamere acquisiscono tre fotogrammi in sequenza ravvicinata (uno con esposizione corretta, un altro sovraesposto e il terzo scatto sottoesposto), che vengono successivamente combinati in un'immagine singola contenente maggiori dettagli nelle aree luminose e in quelle in ombra rispetto a un file JPEG acquisito in modo tradizionale.

La differenza di esposizione tra le immagini originali può essere selezionata dal fotografo (in un intervallo di esposizione compreso tra +/- 1-3 EV) oppure stabilita automaticamente dalle fotocamere per ogni scena. Il risultato finale dell'esposizione combinata può anche essere selezionato da una serie di mappe delle tonalità, quali Natural, fino a effetti più creativi come Art Standard, Art Vivid, Art Bold e Art Embossed (Artistico standard, Artistico intenso, Artistico in rilievo e Artistico marcato).


SISTEMA di messa a fuoco automatica

EOS 5DS e EOS 5DS R presentano il sistema AF a 61 punti del modello EOS 5D Mark III combinato con l'avanzata tecnologia di misurazione dell'esposizione che si trova nel modello EOS 7D Mark II. Ne risultano sorprendenti prestazioni di messa a fuoco automatica che eguagliano quelle del modello EOS-1D X.


Sistema AF a 61 punti

Come EOS 5D Mark III e EOS-1D X, i modelli EOS 5DS e EOS 5DS R presentano 61 punti di messa a fuoco disseminati sul fotogramma in un modello dall'area ampia. A seconda dell'obiettivo in uso, fino a 41 di tali punti di messa a fuoco sono a croce e offrono una maggiore sensibilità (NB: gli obiettivi con aperture massime più lente potrebbero non consentire un flusso di luce sufficiente attraverso il sensore AF, che può significare meno punti di messa a fuoco disponibili).

Per una messa a fuoco più precisa, tutti i 61 punti di messa a fuoco presentano una disposizione a zig zag su doppia linea che utilizza due sensori di messa a fuoco posizionati a una leggera distanza uno dall'altro. Uno fornisce alta precisione mentre l'altro è studiato per la velocità elevata, soprattutto quando esegue l'AF predittivo su soggetti in movimento.

 

Diagramma che mostra le configurazioni del sensore AF delle fotocamere EOS 5DS e EOS 5DS R.

 

Diagramma della visualizzazione del mirino di EOS 5DS e EOS 5DS R che mostra i punti AF a croce, in linea verticale e in linea orizzontale delle fotocamere.

Cinque dei punti di messa a fuoco centrali, posizionati in verticale lungo la linea centrale del fotogramma, funzionano come punti AF a croce doppia con obiettivi f/2,8 o più veloci. Tali punti di messa a fuoco comprendono un punto a croce posizionato in diagonale come una "X", oltre a un secondo punto a croce posizionato come un "+", sensibile alle linee orizzontale e verticale. Funzionando insieme, questi punti offrono una messa a fuoco più precisa, soprattutto in condizioni di scarsa illuminazione.

Con obiettivi dotati di aperture massime di f/4 o più veloci, sono disponibili fino a 41 punti a croce: 21 nel gruppo centrale e due set di 10 nei gruppi su entrambi i lati di quest'ultimo.

Alcune combinazioni di obiettivi e teleconvertitori possono offrire un'apertura massima di f/8. In tali circostanze, è attivo solo il punto AF centrale. Questo è supportato dai quattro sensori AF circostanti, che fungono da punti di messa a fuoco ausiliari. Ciò estende in modo efficace le dimensioni dell'area di rilevamento AF, fondamentali per i soggetti in movimento che appaiono piccoli nel mirino e sono difficili da seguire, come piccoli animali e uccelli in volo.


Messa a fuoco automatica iTR

EOS 5D S e EOS 5DS R utilizzano la tecnologia iTR (Intelligent Tracking and Recognition) per seguire i soggetti in movimento in modo più preciso. Funzionando insieme al sistema iSA (Intelligent Subject Analysis) delle fotocamere, le informazioni fornite dal sensore di misurazione RGB+IR da 150.000 pixel sono utilizzate per identificare volti e oggetti colorati e seguirli nel fotogramma mentre si spostano.

Entrambe le fotocamere presentano nuovi algoritmi che migliorano la selezione automatica dei punti AF quando il soggetto si sposta e potenziano le prestazioni quando eseguono il tracking di oggetti colorati e non umani. Per funzionare correttamente, EOS 5DS e EOS 5DS R devono essere impostate su Zona AF o Selezione automatica a 61 punti.

 

Il sistema di messa a fuoco AF iTR (Intelligent Tracking and Recognition) di EOS 5DS e EOS 5DS R utilizza informazioni su colori e volti per riconoscere e seguire i soggetti mentre si spostano all'interno del fotogramma.

 

Schermata del menu che mostra l'opzione di selezione del punto AF iniziale di AF AI Servo nelle fotocamere EOS 5DS e EOS 5DS R.


AF AI Servo III

Quando si scattano foto di azioni e oggetti in movimento EOS 5DS e EOS 5DS R utilizzano AF AI Servo III; questa funzione è stata introdotta nel modello EOS-1D X, la fotocamera professionale ideale per fotografi di eventi sportivi e fotoreporter in tutto il mondo. AF AI Servo III controlla costantemente il soggetto, prevedendo dove si troverà in futuro in base al movimento registrato in precedenza. Se in un dato momento la posizione del soggetto non può essere stabilita, questo risultato negativo viene ignorato e la successiva misurazione della messa a fuoco è basata sul precedente risultato preciso.

Durante il rilevamento della messa a fuoco, le fotocamere presumono che gli ampi salti nell'AF dipendano dal passaggio dell'oggetto dietro un altro oggetto più vicino alla fotocamera che lo oscura momentaneamente dalla vista. In tali circostanze la messa a fuoco automatica non passa al nuovo oggetto, ma rimane vicino alla distanza stabilita in precedenza in modo che il tracking del soggetto originale possa continuare quando è nuovamente visibile.

Tuttavia, un tale funzionamento potrebbe non essere corretto per tutti i soggetti e, pertanto, Canon lo ha reso personalizzabile, in base al tipo di scena che viene fotografata, utilizzando lo strumento di configurazione AF...

Strumento di configurazione AF

Come per i modelli EOS-1D X e EOS 5D Mark III, il sistema di messa a fuoco automatica presente nelle fotocamere EOS 5DS e EOS 5DS R rappresenta un capolavoro tecnologico sofisticato e altamente funzionale. Per poter ottenere il massimo dall'impostazione AI Servo, devi assicurarti che sia adattata correttamente al soggetto che stai riprendendo, soprattutto se il soggetto è in movimento (nota: le impostazioni dello strumento di configurazione AF non hanno alcun effetto quando si utilizza la modalità AF One Shot).

La personalizzazione del funzionamento del sistema AF delle fotocamere è più semplice di quanto tu possa pensare: tutte le impostazioni di messa a fuoco (incluse le impostazioni personalizzate) sono raggruppate in un singolo menu AF facilmente accessibile. Le modifiche sono effettuate utilizzando tre semplici comandi a scorrimento:

1/ - Sensibilità di tracking, modifica la velocità con cui le fotocamere reagiscono quando un soggetto si allontana dal punto di messa a fuoco attualmente selezionato. Con impostazioni negative, ciò avviene più lentamente: ideali per soggetti che possono essere oscurati da oggetti in primo piano. Con impostazioni positive, le fotocamere passano più rapidamente a un nuovo soggetto/distanza di messa a fuoco.

2/ - Tracking di accelerazione/decelerazione, modifica la risposta ai cambiamenti di velocità del soggetto, incluso quando un soggetto si arresta all'improvviso. Questa impostazione prepara l'algoritmo delle fotocamere a questi cambiamenti inattesi, che potrebbero altrimenti essere ignorati come errori e perciò ritardare eventuali modifiche nella messa a fuoco per inseguire il soggetto. Per i soggetti che cambiano spesso velocità (ad esempio, calciatori o ballerini), prova a impostare questa opzione su +1 oppure +2 per le gare motociclistiche dagli angoli del circuito. Per i soggetti che si spostano costantemente, un'impostazione su 0 offrirà i risultati migliori.

3/ - Passaggio automatico al punto AF, entra in funzione quando si utilizza la selezione automatica a 61 punti, Zona AF o l'espansione del punto AF, e gestisce il passaggio tra i punti AF in risposta al movimento di un soggetto. Un valore 0 è l'impostazione standard e ne risulta un equilibrio tra stabilità di messa a fuoco e tracking. Con impostazioni +1 e +2, i punti di messa a fuoco verranno cambiati quando vengono rilevate modifiche minori alla messa fuoco.

La personalizzazione del funzionamento del sistema AF in tal modo offre al fotografo un enorme controllo, tuttavia, rimane necessario sperimentare per giungere alla giusta combinazione di impostazioni. Per semplificare le cose, EOS 5DS e EOS 5DS R presentano entrambe sei "case study" relativi all'AF, ideati per situazioni di scatto che si verificano comunemente:

  • Case 1 è l'impostazione predefinita ed è ideale per la fotografia generica. Offre una messa a fuoco rapida e precisa, ma se utilizzi solo questa opzione non potrai ottenere tutto quello che i sistemi AF delle fotocamere possono offrire.
  • Case 2 è stato ideato per situazioni in cui un soggetto può allontanarsi momentaneamente dal punto AF attivo o essere oscurato brevemente dalla vista. Le fotocamere continueranno a inseguire il soggetto: un'opzione eccellente per gli sport come il tennis, il nuoto e lo sci.
  • Case 3 consente al fotografo di mettere a fuoco immediatamente un nuovo soggetto o di passare rapidamente tra soggetti differenti, ad esempio quando si scattano foto di gare ciclistiche. Impostando la sensibilità di tracking su +2 viene potenziata la velocità di acquisizione della messa a fuoco, ma l'utilizzo richiede una certa pratica.
  • Case 4 è stato ideato per i soggetti che cambiano rapidamente direzione, come negli sport motoristici, nel calcio o nel basket. Le fotocamere daranno la priorità alla velocità di tracking per tenere il passo con i cambiamenti di velocità, anche se è richiesta una modifica significativa nella distanza di messa a fuoco.
  • Case 5 è rivolto all'utilizzo con le modalità di selezione automatica del punto AF, Zona AF ed espansione del punto AF ed è stato ideato per soggetti che cambiano improvvisamente direzione, con spostamenti imprevedibili verso l'alto, il basso, a sinistra o a destra. Queste impostazioni consentono alle fotocamere di cambiare rapidamente i punti AF per tenere il passo con il movimento. È ideale per le foto di ballo, ginnastica e pattinaggio artistico nonché per le acrobazie aeree.
  • Case 6 è più che altro una combinazione di Case 4 e Case 5. Anche se il soggetto parte o si arresta improvvisamente o cambia bruscamente direzione, le fotocamere risponderanno rapidamente per mantenere la messa a fuoco sul soggetto. Allo stesso modo, questa impostazione si rivolge al solo utilizzo con le modalità selezione automatica del punto AF, Zona AF ed espansione del punto AF.

[AF point selection/Selezione punto AF]

È possibile selezionare i punti AF separatamente, utilizzarli come gruppi oppure far scegliere automaticamente alle fotocamere il punto di messa a fuoco. Gli utenti possono anche selezionare punti di messa a fuoco differenti in base a come vengono impugnate le fotocamere: soluzione pratica quando si alternano scatti in verticale e scatti in orizzontale.

 

La schermata del menu su EOS 5DS e EOS 5DS R mostra le opzioni di selezione del punto AF disponibili.

  • La selezione individuale del punto AF consente agli utenti di selezionare solo un punto AF, per poter specificare esattamente dove mettere a fuoco nel fotogramma.
  • La modalità AF a spot consente di essere ancora più specifici, utilizzando anche punti AF più piccoli. Questa può offrire una messa a fuoco molto più precisa, meno influenzata da oggetti intorno al punto di messa a fuoco, ma aumenterà il tempo che impiega per mettere a fuoco un soggetto.
  • La modalità di espansione AF circonda il punto di messa a fuoco con altri punti di messa a fuoco attivi, in modo da mantenere la messa a fuoco se il soggetto si sposta. Il punto selezionato può essere circondato da quattro punti (in alto, in basso, a sinistra e a destra) o da otto punti aggiuntivi.
  • La modalità Zona AF utilizza gruppi più grandi di punti AF, che è possibile posizionare nel fotogramma.
  • La modalità AF Selezione automatica attiva tutti i 61 punti della messa a fuoco e gli algoritmi delle fotocamere selezionano automaticamente i punti da utilizzare.

Microregolazione AF

Le risoluzioni estremamente elevate del sensore delle reflex digitali EOS 5DS e EOS 5DS R rendono la precisione della messa a fuoco ancora più importante. A tale scopo, la funzione di microregolazione AF di queste fotocamere diventa più importante rispetto ai precedenti modelli. Sebbene tutti i modelli di fotocamere e di obiettivi Canon presentino specifiche tecniche estremamente elevate, è comunque presente una gamma di tolleranza nella loro produzione. In alcuni casi una fotocamera potrebbe essere a un'estremità di tale gamma e l'obiettivo all'altra estremità, una combinazione che potrebbe comportare imprecisioni nella messa a fuoco. La funzione di microregolazione AF consente di ottenere il punto esatto di messa a fuoco impostando la compensazione appropriata per ogni differenza di tolleranza tra la fotocamera e l'obiettivo.

 

Schermata del menu che mostra alcune delle opzioni di impostazione AF delle fotocamere EOS 5DS e EOS 5DS R: in questo caso l'opzione di microregolazione AF è disattivata.

Spesso tale squilibrio si nota appena, ma quando si scatta con una profondità di campo molto ridotta oppure con sensori ad alta risoluzione, il problema diventa più evidente.

La regolazione AF nelle fotocamere è simile al sistema presente nel modello EOS 5D Mark III. Le fotocamere possono rilevare il numero di serie di un obiettivo e ricordare fino a 40 obiettivi, in modo da poter attivare microregolazioni specifiche per ogni obiettivo che utilizzi. Se il numero di serie del tuo obiettivo non viene rilevato automaticamente, è possibile immetterlo manualmente e salvarlo per un uso futuro.

Quando si effettuano microregolazioni AF con obiettivi zoom, è possibile registrare impostazioni per ogni estremità della portata dello zoom, in modo che la messa a fuoco delle immagini sia precisa indipendentemente dalla lunghezza focale con cui si scatta.


Misurazione e controllo esposizione

EOS 5DS e EOS 5DS R utilizzano un sistema di misurazione intelligente a 252 zone che misura sia la luce visibile che a infrarossi per risultati ancora più precisi. I sistemi di misurazione delle fotocamere funzionano congiuntamente con i sistemi di messa a fuoco automatica e di bilanciamento del bianco.


Sensore di misurazione a 252 zone

EOS 5DS e EOS 5DS R utilizzano lo stesso sensore RGB+IR da 150.000 pixel presente nel modello EOS 7D Mark II per la misurazione valutativa dell'esposizione e la misurazione valutativa del flash. Il sensore rileva inoltre volti e colori di oggetti e passa queste informazioni ai sistemi di messa a fuoco automatica iTR delle fotocamere.

 

Misurazione a 252 zone e AF a 61 punti di EOS 5DS e EOS 5DS R come appare nei mirini delle fotocamere.

Oltre alla luce visibile viene rilevata la luce a infrarossi (IR) e ciò migliora la precisione del sistema AF iTR e della misurazione dell'esposizione. Spesso gli oggetti naturali gialli e verdi riflettono una grande quantità di luce IR e possono confondere i sistemi di misurazione di una fotocamera. Rilevando la luce IR, le fotocamere la eliminano dai calcoli sull'esposizione, per ottenere risultati più precisi. Il rilevatore IR riduce anche gli errori di AF causati da sorgenti luminose differenti e migliora la precisione delle funzioni Bilanciamento del bianco automatico, Stile foto automatico e Auto Lighting Optimizer (Ottimizzazione automatica della luce).

Quando si esegue la misurazione valutativa dell'esposizione, il sensore RGB+IR da 150.000 pixel viene suddiviso in 252 zone: un miglioramento rispetto alle 63 zone offerte dal modello EOS 5D Mark III. La luminosità di ogni zona viene analizzata singolarmente e utilizzata per calcolare la corretta esposizione. Oltre alle informazioni sui colori e al rilevamento dei volti il sistema utilizza le informazioni sulla distanza fornite dai sistemi AF delle fotocamere per ottenere risultati più precisi. Oltre alla misurazione valutativa, EOS 5DS e EOS 5DS R offrono modelli di misurazione a spot, parziale e pesata al centro.

Le informazioni sui colori sono inoltre usate per la misurazione dell'esposizione tramite flash quando si scatta con un flash Canon Speedlite, per rendere il sistema flash E-TTL su EOS 5DS e EOS 5DS R più preciso rispetto a quello presente nel modello EOS 5D Mark III.

Compensazione dell'esposizione e bracketing


 

Schermata del menu che mostra le opzioni di compensazione dell'esposizione (AEB) delle reflex digitali EOS 5DS e EOS 5DS R.

È possibile applicare la compensazione dell'esposizione in incrementi di 1/3 di stop o 1/2 stop, fino a un massimo di ±5 stop. Questa può essere combinata con il bracketing automatico dell'esposizione (AEB) per acquisire sequenze di due, tre, cinque o sette scatti con esposizioni differenti: soluzione eccellente per realizzare sequenze HDR o per essere sicuri di ottenere l'esposizione corretta in situazioni critiche.


Otturatore

L'otturatore all'interno di EOS 5DS e EOS 5DS R è lo stesso otturatore affidabile utilizzato nel modello EOS 5D Mark III, che è stato usato da fotografi professionisti in qualsiasi ambiente. Un nuovissimo sistema di controllo delle vibrazioni dello specchio riduce le vibrazioni della fotocamera dovute a movimenti interni, consentendo di mantenere la nitidezza necessaria.


Durata dell'otturatore

 

Gli otturatori di EOS 5DS e EOS 5DS R sono realizzati in base allo stesso standard dell'otturatore del modello EOS 5D Mark III.

Per poter soddisfare le richieste di utilizzo professionale, gli otturatori in EOS 5DS e EOS 5DS R sono progettati per una durata fino a 150.000 cicli: lo stesso standard del modello EOS 5D Mark III. Le velocità dell'otturatore offerte vanno da 1/8000 secondi fino a 30 secondi in incrementi di 1/3 di stop o 1/2 stop, oltre all'impostazione POSA per esposizioni lunghe che è possibile configurare mediante il timer integrato nelle fotocamere.

Il ritardo dell'otturatore viene ridotto fino a soli 59 ms, breve quasi quanto il ritardo predefinito di 55 ms della fotocamera EOS-1D X.

Nuovo meccanismo dello specchio

Ottenere la nitidezza necessaria con una risoluzione così alta in termini di megapixel (50,6) significa identificare e ridurre ogni fonte di vibrazione e movimento. Una notevole fonte di vibrazioni nelle fotocamere reflex digitali è rappresentata dal movimento dello specchio riflettente principale, che si sposta quando si apre l'otturatore. Per questo motivo, EOS 5DS e EOS 5DS R utilizzano un sistema di controllo delle vibrazioni dello specchio di recente sviluppo che riduce al minimo tali vibrazioni.

 

Fai clic sulla finestra qui sopra per vedere un breve filmato che illustra il funzionamento del sistema di controllo delle vibrazioni dello specchio di EOS 5DS e EOS 5DS R.

Gli specchi riflettenti tradizionali, che sono azionati ad alta velocità da una molla, causano vibrazioni quando si scontrano con i fermi al termine del loro movimento. Lo specchio presente in EOS 5DS e EOS 5DS R funziona invece in modo rapido ma controllato: mediante un motore e una serie di camme lo specchio viene spinto verso l'alto e tirato verso il basso e le vibrazioni sono ridotte al minimo (un gradito effetto collaterale è la riduzione anche del rumore dell'otturatore della fotocamera). L'eliminazione della vibrazione dello specchio garantisce l'impiego totale del potere risolvente delle fotocamere.

Sono inoltre stati studiati altri aspetti delle fotocamere per ridurre gli effetti delle vibrazioni sulla qualità dell'immagine, tra cui l'ispessimento della piastra di base del telaio in acciaio e dell'attacco per il treppiede.

Scatto ad alta velocità e silenzioso

Anche se il numero di pixel è molto elevato, con EOS 5DS e EOS 5DS R è possibile eseguire scatti in modo continuo a 5 fps, equivalenti a oltre 300 Mb al secondo. Utilizzando una scheda CompactFlash UDMA 7, è possibile scattare oltre 500 immagini JPEG a piena risoluzione o 14 file RAW a piena risoluzione in una singola raffica. In modalità Scatto silenziato il rumore dell'otturatore è ridotto ulteriormente (simile al suono della modalità trasparente di EOS 5D Mark III), nel caso in cui sia necessario essere discreti.


Acquisizione

EOS 5DS e EOS 5DS R presentano una serie di differenti modalità di scatto e tecnologie che ti aiutano a creare immagini eccezionali, indipendentemente da dove ti trovi o da cosa stai fotografando. Scene Detection mira a riconoscere il tipo di soggetto che viene fotografato, consentendo ai sistemi come Bilanciamento del bianco automatico e Auto Lighting Optimizer (Ottimizzazione automatica della luce) di reagire di conseguenza.


Sistema di rilevamento automatico della scena EOS

Il sistema di rilevamento automatico della scena EOS è una funzionalità di molte fotocamere della gamma EOS. Viene utilizzato per adattare i sistemi delle fotocamere al soggetto che viene fotografato e garantire risultati ottimali in termini di nitidezza e contrasto del colore.

Su EOS 5DS e EOS 5DS R, il sistema di rilevamento automatico della scena EOS analizza automaticamente le condizioni relative al volto di un soggetto, al colore, al contrasto e alla luminosità. Inoltre controlla la distanza di messa a fuoco e valuta se il soggetto è in movimento.

Oltre alle normali impostazioni Stile foto (Standard, Paesaggio, Ritratto, Neutro, Immag. fedele, Monocromo e Fine Detail) EOS 5DS e EOS 5DS R presentano una modalità Stile foto automatico. In base alle informazioni raccolte dal sistema di rilevamento automatico della scena EOS, la modalità Stile foto automatico regola contrasto, colore, tonalità e nitidezza in base al soggetto che viene fotografato. È una scelta eccellente per gli scatti generici, ma è ideale per foto naturalistiche e di paesaggi, in particolare scattate al tramonto.

 

Diagramma che mostra le configurazioni sistema di rilevamento automatico della scena EOS delle fotocamere EOS 5DS e EOS 5DS R.

Il sistema di rilevamento automatico della scena EOS migliora inoltre la precisione delle impostazioni di bilanciamento del bianco automatico. I toni della pelle appaiono più precisi, i colori del tramonto sono più vivaci e le foto scattate con sorgenti luminose artificiali, come le lampadine al tungsteno, appaiono più naturali.

Priorità tonalità chiare

La perdita dei dettagli nei punti luminosi è spesso uno dei principali problemi del fotografo quando scatta in condizioni di luminosità intensa e di alto contrasto. La funzione Priorità tonalità chiare di Canon, spesso trascurata, può risolvere il problema aumentando la gamma dinamica di un'immagine di uno stop all'incirca e mantenendo i dettagli nelle parti più luminose dell'immagine. Priorità tonalità chiare regola il modo in cui il sistema di misurazione interpreta la scena per garantire che siano conservati più dettagli nelle aree luminose. L'utilizzo di Priorità tonalità chiare limita l'impostazione ISO più bassa disponibile a 200.

[Auto Lighting Optimizer/Ottimizzazione automatica della luce]

Auto Lighting Optimizer (Ottimizzazione automatica della luce) (ALO) è presente in ogni fotocamera dell'attuale gamma EOS. Mira ad attenuare l'alto contrasto in modo che i dettagli siano visibili sia nelle aree luminose che in quelle in ombra. ALO utilizza regolazioni delle curve di tonalità per modificare una foto durante l'elaborazione delle immagini. I fotografi che utilizzano EOS 5DS o EOS 5DS R possono scegliere fra tre livelli, oltre a un'impostazione "Disattiva" che disattiva l'effetto.

Quando si utilizza EOS 5DS o EOS 5DS R, ALO offre risultati eccellenti soprattutto nelle foto di tramonti, ritratti retroilluminati e scene con aree luminose che altrimenti apparirebbero sovraesposte. ALO può fornire risultati imprevisti quando si lavora in modalità di scatto manuale e quindi è stata inclusa un'opzione per disattivare automaticamente l'effetto quando la fotocamera passa a tale modalità. Auto Lighting Optimizer (Ottimizzazione automatica della luce) e Priorità tonalità chiare non possono essere utilizzate in combinazione tra di loro.

Modalità di scatto personalizzate


 

Schermata che mostra dove selezionare le tre modalità di scatto personalizzate nei menu di EOS 5DS e EOS 5DS R.

EOS 5DS e EOS 5DS R presentano opzioni di modalità di scatto personalizzate che consentono ai fotografi di riutilizzare combinazioni preferite delle impostazioni in modo rapido e semplice. Ciò è particolarmente utile quando si fotografano soggetti differenti che richiedono configurazioni diverse delle fotocamere, ad esempio impostazioni per interni e per esterni a un matrimonio.

Sono disponibili tre modalità di scatto personalizzate: C1, C2 e C3. Le modalità personalizzate delle fotocamere funzionano come quelle del modello EOS 5D Mark III, con la possibilità di scegliere se mantenere tutte le modifiche apportate alle impostazioni nella modalità personalizzata o se tornare alle impostazioni personalizzate originali una volta cambiate le modalità di scatto o quando le fotocamere vengono spente e riaccese. Questa funzione di "autoaggiornamento" consente di evitare che la fotocamera EOS 5DS o EOS 5DS R possa ripristinare le impostazioni personalizzate memorizzate se si spegne dopo un breve periodo di inutilizzo.


Filmati Full HD

EOS 5DS e EOS 5DS R registrano video in modo simile al modello EOS 5D Mark III; tuttavia, la priorità nella progettazione di queste fotocamere è stata quella di produrre la risoluzione più alta possibile per le foto e, pertanto, alcune funzioni video sono state sacrificate. Entrambe le fotocamere conservano alcune delle funzioni video che erano presenti in 5D Mark III, per gli utenti che desiderano realizzare video di accompagnamento alle proprie foto.


Velocità di elaborazione dei fotogrammi

Le fotocamere offrono la possibilità di realizzare video Full HD da 1080p a 24, 25 e 30 fps, per la massima compatibilità con flussi di lavoro di editing e filmati da altre sorgenti. Inoltre, è possibile realizzare video HD da 720p a 60 fps, con effetti di slow motion a velocità dimezzata in fase di post produzione.

 

Schermata che mostra dove selezionare AF Servo filmato nei menu di EOS 5DS e EOS 5DS R.

È possibile registrare un filmato continuo fino a 29 minuti e 59 secondi, sebbene questo venga scritto come una serie di file, a causa del limite di dimensioni file di 4 GB del formato FAT32 utilizzato dalle schede di memoria.

Una funzione disponibile in EOS 5DS e EOS 5DS R ma non presente nel modello 5D Mark III è AF Servo filmato, che consente di eseguire il tracking dei soggetti durante la registrazione. Ciò è possibile grazie alla potenza di elaborazione del doppio processore "DIGIC 6" utilizzato nelle fotocamere.

Metodi di compressione dei filmati

Come nei modelli EOS 5D Mark III e EOS-1D X, le fotocamere EOS 5DS e EOS 5DS R registrano filmati utilizzando il codec H.264 e offrono la scelta tra due metodi di compressione all'interno di questo codec: IPB o ALL-I. Durante le riprese video, i fotogrammi che vengono acquisiti possono essere classificati come intra-frame oppure come frame predittivi. Gli intra-frame sono fondamentali per il modo in cui funziona la compressione video.

  • Lo standard IPB funziona descrivendo frame predittivi solo per quanto riguarda le modifiche tra di loro, usando a tale scopo intra-frame precedenti e futuri come riferimento. È una tecnologia ideale per clip di durata maggiore e garantisce che i file di dimensioni più piccole possano essere visualizzati in streaming e su dispositivi portatili.
  • La tecnica di compressione ALL-I tratta ogni fotogramma come un intra-frame, senza riferimenti ad altri frame. Questo conserva la qualità dell'immagine per tutto il flusso di lavoro dell'editing ed è l'approccio ideale per applicazioni di qualità broadcast.

Durante le riprese con la compressione ALL-I, le dimensioni del file saranno circa tre volte superiori rispetto a quelle con IPB, sebbene sia più facile modificare un singolo fotogramma senza compromettere la qualità dell'immagine. Nonostante le dimensioni file più grandi, il filmato ALL-I richiede meno potenza da parte del computer per la riproduzione e l'editing rispetto a IPB, in quanto non necessita di altrettanta decompressione.

L'uscita HDMI non compressa presente in 5D Mark III non è stata inclusa in entrambe le fotocamere, in quanto EOS 5DS e EOS 5DS R sono più inclini al moiré e alle distorsioni e quindi meno adatte per produzioni video professionali.

 

Fai clic sulla finestra qui sopra per vedere un breve filmato che spiega come riprendere filmati time lapse con EOS 5DS e EOS 5DS R.

Ripresa di filmati in time lapse

Le fotocamere sono dotate anche di una nuova modalità di ripresa di filmato in time lapse, che scatta foto a intervalli specifici prima di combinarle per creare un file filmato .mov. È possibile acquisire automaticamente fino a 3.600 fotogrammi e unirli in una sola clip, con intervalli che vanno da 1 secondo a 99 ore, 59 minuti e 59 secondi. I filmati creati con le fotocamere possono essere Full HD (1980x1080) 29,97p ALL-I se la fotocamera è impostata su NTSC oppure Full HD (1980x1080) 25,00p ALL-I se è impostata su PAL. Una sequenza di 3600 scatti produrrà un filmato con un tempo di riproduzione di circa due minuti in Full HD 29,97p ALL-I oppure di circa due minuti e 24 secondi in Full HD 25,00p ALL-I.

 

Fai clic sulla finestra qui sopra per vedere il breve filmato "Art-lapse" creato utilizzando la modalità filmato time lapse di EOS 5DS.

Controllo audio

 

Le uscite e gli ingressi della reflex digitale EOS 5DS R includono uscita HDMI e una porta microfono.

EOS 5DS e EOS 5DS R registrano audio digitale a 16 bit con una frequenza di campionamento di 48 KHz: mono attraverso il microfono incorporato della fotocamera e stereo attraverso un microfono esterno adatto. È possibile regolare il livello di registrazione audio manualmente, anche mentre la fotocamera sta registrando; durante la ripresa viene visualizzato un misuratore dei livelli di audio live sullo schermo. Non è inclusa una presa per le cuffie per il monitoraggio audio, perché lo spazio all'interno delle fotocamere non è sufficiente in seguito al passaggio alla connettività USB 3.0.

Per evitare che nell'audio del filmato sia presente il rumore dello scatto dei comandi delle fotocamere, EOS 5DS e EOS 5DS R sono dotate di una funzione Silent Control sensibile al tocco e situata all'interno della ghiera di controllo rapido. Questa può essere utilizzata per regolare le impostazioni in modo silenzioso durante la registrazione, comprese velocità dell'otturatore, apertura, ISO e compensazione dell'esposizione.


Mirino e schermo LCD

Il mirino di EOS 5DS e EOS 5DS R offre una visualizzazione chiara e luminosa di tutto quel che appare nel fotogramma, per consentirti di comporre ogni scatto con sicurezza. Le informazioni sono presentate in modo chiaro, ma senza distrarti dal processo creativo della fotografia. Lo schermo Clear View LCD II da 3,2 pollici è eccezionale per rivedere e realizzare foto e video.


Mirino

Il mirino di EOS 5DS e EOS 5DS R è simile a quello presente nelle fotocamere EOS-1D X e EOS 5D Mark III. L'estrazione pupillare è 22 mm e la copertura è circa il 100%, vale a dire che puoi comporre immagini in modo preciso con sicurezza. Entrambe le fotocamere utilizzano la tecnologia Intelligent Viewfinder II basata su un LCD traslucido schiacciato tra gli strati dello schermo di messa a fuoco. Intelligent Viewfinder II è utilizzato per sovrapporre informazioni nell'area dello schermo del mirino, quali punti di messa a fuoco selezionati/attivi, una griglia che aiuta la composizione, avvisi sulle funzioni in uso e visualizzazioni di aree ritagliate. Altre informazioni sono visualizzate sotto il mirino principale in un display separato.

Il pannello LCD traslucido può generare luce, quindi il mirino presenta dei LED rossi che illuminano l'intero LCD in condizioni di scarsa illuminazione. Per impostazione predefinita, i LED rossi si accendono automaticamente in condizioni di scarsa illuminazione in modalità AF One Shot; tuttavia, possono essere impostati affinché siano sempre accesi o sempre spenti utilizzando le impostazioni all'interno dell'area del menu AF. Per attivare i punti AF in AI Servo, è necessaria questa attivazione nel menu secondario dell'illuminazione del display del mirino. Quando sono attivati in AI Servo, i LED rossi lampeggeranno per evitare di compromettere la misurazione dell'esposizione delle fotocamere.

 

Diagramma che mostra le informazioni che possono essere visualizzate nella parte centrale del mirino delle fotocamere EOS 5DS e EOS 5DS R.

 

Diagramma che mostra le informazioni che possono essere visualizzate nell'area inferiore del mirino delle fotocamere EOS 5DS e EOS 5DS R.

Schermo Clear View LCD II

 

Vista posteriore della reflex digitale EOS 5DS R che, come EOS 5DS, è dotata di un ampio schermo Clear View LCD II da 8,11 cm (3,2").

L'ampio schermo posteriore Clear View LCD II è identico a quello delle fotocamere EOS-1D X e EOS 5D Mark III. Misura 8,11 cm (3,2 pollici) in diagonale ed è dotato di 1,04 milioni di punti. La struttura dello schermo non presenta spazi vuoti tra il vetro protettivo e lo schermo LCD stesso, al fine di evitare riflessi. Inoltre, è presente un rivestimento anti riflesso. Uno schermo con formato di visualizzazione 3:2 significa che l'aspetto delle immagini è lo stesso di quelle acquisite e ne consente una visualizzazione più grande sullo schermo rispetto ad altre fotocamere che usano uno schermo con formato 4:3, il quale mostra solo un ritaglio o l'immagine intera con strisce nere in alto e in basso.

Nella parte posteriore delle fotocamere è situato un comando dedicato Live View/Filmato. Impostando il comando sulla posizione Foto o Filmato si seleziona la relativa modalità di utilizzo, mentre premendo il pulsante START/STOP si solleva lo specchio principale e la scena viene visualizzata attraverso l'obiettivo delle fotocamere sullo schermo principale.

Livella elettronica a 2 assi

Un livello elettronico a due assi consente ai fotografi di mantenere le fotocamere in piano durante gli scatti: un vantaggio per i fotografi paesaggisti impegnati in orizzonti diritti o per le foto in architettura. Entrambi i movimenti, pitch (avanti-indietro) e roll (da lato a lato), sono rilevati in incrementi di 1° e il livello viene mostrato sia nel mirino (sopra i punti di messa a fuoco) che sullo schermo LCD, soluzione che è utile di notte quando risulta difficile vedere i punti di riferimento nel mirino.


Funzionamento e struttura

Il design di EOS 5DS e EOS 5DS R combina ergonomia, resistenza e personalizzazione per un'esperienza di scatto che incoraggia la creatività. Configura le fotocamere come desideri, con i comandi personalizzabili e lo schermo controllo rapido personalizzato.


Comandi

EOS 5DS e EOS 5DS R presentano un layout dei comandi identico a quello di EOS 5D Mark III, per rendere le fotocamere perfettamente integrabili nel flusso di lavoro esistente. Potrai scambiare qualsiasi corpo della fotocamera in modo rapido e semplice, senza dover cercare i comandi.

L'interruttore principale delle fotocamere ON/OFF è posizionato sul lato destro della piastra superiore dietro la ghiera delle modalità, che presenta un blocco per evitare spostamenti accidentali. Un blocco separato disattiva inoltre la ghiera di controllo rapido e può essere impostato per bloccare anche ghiera principale e multicontrollo.

 

Diagramma che mostra i comandi e le funzioni principali nella parte anteriore e nella piastra superiore di EOS 5DS.

 

Diagramma che mostra i principali comandi, le funzioni e le porte di uscita/ingresso nella parte posteriore di EOS 5DS.

 

Diagramma che mostra alcuni dei principali comandi nella parte posteriore, ai lati e nella piastra base di EOS 5DS.

Funzioni personalizzate

È possibile personalizzare moltissimi comandi e funzioni delle fotocamere per adattarli al tuo stile di scatto o ai soggetti fotografati. La maggior parte delle funzioni personalizzate è raggruppata sotto la scheda di menu Funzioni personalizzate, eccetto quelle che interessano la messa a fuoco. Queste sono state spostate nel menu AF per una più semplice individuazione durante le regolazioni della messa a fuoco automatica.

Schermo controllo rapido personalizzato

Lo schermo controllo rapido personalizzato è una novità per le fotocamere EOS. Per impostazione predefinita, questo è molto simile allo schermo controllo rapido del modello EOS 5D Mark III; tuttavia, i contenuti, le dimensioni e la disposizione dei campi delle informazioni possono adesso essere modificati e personalizzati, per visualizzare soltanto le funzioni che ti servono veramente.

 

Fai clic sulla finestra qui sopra per vedere un breve filmato che spiega come utilizzare l'opzione schermo controllo rapido personalizzato di EOS 5DS e EOS 5DS R.

Connettività

 

Cavo dedicato USB 3.0 Super Speed collegato a EOS 5DS con protezione per cavo che si avvita nel corpo della fotocamera, per evitare che venga tirato via.

È possibile collegare entrambe le fotocamere a un computer utilizzando una connessione USB Super Speed (USB 3.0) per scatti con tethering, comando a distanza e trasferimento di file. Viene fornito un cavo d'interfaccia USB 3.0 (IFC-150U II) dedicato, insieme alla protezione per cavo che si avvita nel corpo della fotocamera a cui tiene serrato il cavo, per evitare che venga danneggiato o tirato via dal corpo accidentalmente.

La velocità maggiore della tecnologia USB 3.0, rispetto alla USB 2.0 utilizzata in altre fotocamere EOS, è preziosissima quando si trasferiscono i file di grandi dimensioni prodotti utilizzando EOS 5DS e EOS 5DS R. Il chipset e il connettore più grande necessari per USB 3 hanno reso lo spazio insufficiente per poter includere in EOS 5DS o EOS 5DS R tutti i connettori presenti nel modello 5D Mark III. Proprio perché le prestazioni relative ai filmati non sono state considerate una priorità di queste fotocamere, le prese per le cuffie sono state omesse per guadagnare spazio necessario. Tuttavia, entrambe le fotocamere presentano un'uscita HDMI di tipo C e una presa per microfono.

Struttura del corpo

Oltre al logo del prodotto differente da 5D Mark III, sono state apportate diverse altre modifiche al corpo delle fotocamere. Il colore delle fotocamere è nero titanio (un colore grigio scuro rispetto a 5D Mark III) per distinguere la maggiore rifinitura di queste fotocamere rispetto 5D Mark III. Altre modifiche includono la parte anteriore dell'area del pentaprisma che è più piatta (per mostrare meglio il logo Canon), l'aggiunta di un poggiadito sul lato sinistro della fotocamera (dove in Mark III era posizionata un targhetta, e la ghiera principale che ha subito lievi modifiche come la rimozione del bordo color argento e la zigrinatura della ghiera resa irregolare per una presa migliore.

 

EOS 5DS e EOS 5DS R presentano entrambe un corpo esterno in lega di magnesio.

Il corpo di EOS 5DS e EOS 5DS R è realizzato con una combinazione degli stessi materiali resistenti di EOS 5D Mark III: piastra base in acciaio e corpo esterno in lega di magnesio. Tutte e tre le fotocamere sono inoltre dotate di protezione contro agenti atmosferici, polvere e umidità per gli ambienti più difficili. I pannelli del corpo sono incastrati piuttosto che semplicemente uniti e tutti i pulsanti, le congiunzioni e le ghiere sono protetti con sigillante in gomma. La protezione contro gli agenti atmosferici fornita dal design è sufficiente per sopportare l'esposizione alla pioggia fino a 10 mm all'ora per una durata approssimativa fino a tre minuti.

Il telaio e l'attacco per il treppiede di EOS 5DS e EOS 5DS R sono più spessi di quelli di EOS 5D Mark III e la maggiore rigidità dei componenti del corpo che collegano al telaio consentono il massimo delle prestazioni delle fotocamere, fornendo isolamento e riduzione delle vibrazioni interne che possono causare sfocature e compromettere la risoluzione.


Accessori

Gli accessori per EOS 5DS e EOS 5DS R sono gli stessi progettati per EOS 5D Mark III e consentono alle fotocamere di adattarsi facilmente alle attrezzature esistenti. Un trasmettitore di file wireless consente il comando a distanza tramite Wi-Fi, mentre un'unità GPS localizza geograficamente le immagini in base alla tua posizione. Un battery grip migliora la maneggevolezza e offre spazio per una batteria supplementare.


 

Fai clic sull'immagine qui sopra per visualizzare il diagramma del sistema delle fotocamere EOS 5DS e EOS 5DS R.

WFT-E7 versione 2 - Trasmettitore file Wireless

WFT-E7 versione 2, trasmettitore file Wireless, utilizza il Wi-Fi (compatibile con 802.11 a,b,g,n) per attivare il comando a distanza senza fili di EOS 5DS o EOS 5DS R da un computer, tablet o smartphone.

 

WFT-E7 versione 2 - Trasmettitore file Wireless

WFT-E7 versione 2 offre inoltre una funzionalità di scatto collegata. Ciò significa che una fotocamera master dotata di WFT-E7 Versione 2 può comandare fino a 10 fotocamere EOS "slave" dotate di unità WFT compatibili in un raggio di circa 100 metri. Questo rende semplice fotografare un singolo evento da differenti angolazioni, facendo acquisire lo stesso momento a tutte le fotocamere interessate.

Utilizzando la modalità WFT Server integrata di WFT-E7 Versione 2, è possibile comandare EOS 5DS o EOS 5DS R in una rete wireless utilizzando un browser Web, inclusi quelli disponibili su tablet o smartphone. Questo significa che puoi vedere ciò che vede la tua fotocamera in remoto e controllare le impostazioni e le funzioni di scatto: ideale per acquisire immagini da angolazioni complicate o per eseguire scatti quando la presenza del fotografo è inopportuna.

WFT-E7 versione 2 consente inoltre di sincronizzare le impostazioni dell'ora tra diverse fotocamere: un ottimo vantaggio se si fotografa un evento con più di una fotocamera e si desidera organizzare le immagini in base all'ora in cui sono state acquisite quando si inizia la fase di editing dei file immagine.

WFT-E7 versione 2 è dotata anche della tecnologia Bluetooth, che consente di comunicare in modalità wireless con un dispositivo GPS dotato di Bluetooth per localizzare geograficamente le immagini con informazioni sulla posizione.

Se si possiede già WFT-E7 è possibile aggiornare il proprio modello alla versione 2 per renderlo compatibile con EOS 5DS e EOS 50DS R, tramite un aggiornamento del firmware, e sarà necessario ottenere un nuovo cavo di connessione USB 3.0 (IFC-150AB II o IFC-40AB II).

Unità GPS GP-E2

 

L'unità GP-E2 GPS è compatibile con EOS 5DS e EOS 5DS R e si adatta alle fotocamere tramite il relativo attacco a slitta.

GP-E2 GPS è l'unità GPS universale di Canon, compatibile con EOS 5DS e EOS 5DS R nonché con tutti i modelli EOS correnti. Può essere montato sull'attacco a slitta di una fotocamera o tenuto in tasca o nella borsa in modalità logging. L'unità è dotata di una bussola digitale e di un ricevitore GPS e ti consente di localizzare geograficamente le foto con i dati sulla posizione, che vengono salvati nei dati EXIF di ogni file immagine.

Il dispositivo è alimentato da una sola batteria AA e funziona anche se non è collegato alle fotocamere. In questo modo può registrare i tuoi spostamenti a intervalli regolari predefiniti e unire tali dati alle immagini utilizzando il software Map Utility in dotazione.

Battery Grip BG-E11

Scatta più a lungo, utilizzando il battery grip BG-E11 per aggiungere una batteria supplementare LP-E6N/LP-E6 alle fotocamere. Inoltre, aggiunge la maggiore flessibilità dell'uso di batterie AA come riserva in caso di emergenza.

 

Lo stesso battery grip, BG-E11, progettato originariamente per il modello EOS 5D Mark III e compatibile anche con le fotocamere EOS 5DS e EOS 5DS R.

Per i fotografi che impugnano spesso la fotocamera in verticale, ad esempio per i ritratti, l'unità BG-E11 duplica anche alcuni dei comandi della fotocamera: attivazione AF, selezione del punto di messa a fuoco e blocco AE si uniscono alle ghiere principale e secondarie oltre alla replica di un pulsante di scatto. L'impugnatura leggermente più ampia è adatta anche per mani più grandi.

In linea con la resistente struttura di EOS 5DS e EOS 5DS R, l'unità BG-E11 è dotata di protezione contro agenti atmosferici, polvere e umidità: ideale per effettuare scatti negli ambienti più difficili.


How to...