Scegli la tua lingua
  • Deutsch

    Sämtliche Inhalte auf der CPN-Website sind auf Englisch verfügbar. Einige Inhalte, wie z. B. Produktbeschreibungen, aktuelle Produkteinführungen und einige technische Artikel, sind ebenfalls auf Deutsch, Spanisch, Französisch, Italienisch und Niederländisch erhältlich. Wählen Sie in der Liste oben Ihre Sprache aus, damit sämtliche darin verfügbaren Inhalte automatisch entsprechend Ihrer Wahl dargestellt werden. Ansonsten wird als Standardsprache Englisch verwendet.

  • English

    All content published on the CPN website is available in English. Some content – such as product descriptions, recent product launches and some technical articles – is also available in German, Spanish, French, Italian and Dutch. Choose your language from the list above and all content that is available in your language will automatically be displayed in your language, otherwise the default language will be English.

  • Español

    Todo el contenido publicado en la página web de CPN está disponible en inglés. Parte del contenido –como descripciones de producto, lanzamientos recientes de productos y algunos artículos técnicos– también están disponibles en alemán, español, francés, italiano e holandés. Elija su idioma en la lista anterior y todo el contenido que esté disponible en su idioma aparecerá automáticamente en ese idioma, o , si no, en el idioma predeterminado que es el inglés.

  • Français

    Tout le contenu publié sur le site Web de CPN existe en anglais. Une partie du contenu (comme les descriptions de produit, les lancements récents de produit et certains articles techniques) est également publié en allemand, en espagnol, en français, en italien et en néerlandais. Choisissez la langue dans la liste ci-dessus, et tout le contenu offert dans votre langue s’affiche automatiquement ; par défaut, le reste s’affiche en anglais.

  • Italiano

    Tutti i contenuti pubblicati sul sito CPN sono disponibili in inglese. Alcuni contenuti come descrizioni di prodotto, lanci di prodotti recenti e alcuni articoli tecnici sono disponibili anche in tedesco, spagnolo, francese, italiano e olandese. Seleziona la lingua dall'elenco in alto e automaticamente si visualizzeranno tutti i contenuti disponibili in quella lingua; diversamente la lingua di default sarà l’inglese.

  • Nederlands

    Alle inhoud die op de CPN-website wordt gepubliceerd, is beschikbaar in het Engels. Bepaalde inhoud, zoals productbeschrijvingen, onlangs gelanceerde producten en sommige technische artikelen, zijn ook beschikbaar in het Duits, Spaans, Frans, Italiaans en Nederlands. Kies de taal uit bovenstaande lijst, waarna alle inhoud die beschikbaar is in de gewenste taal, automatisch in die taal wordt weergegeven. Anders is Engels de standaardtaal.

Articoli tecnici

Thorsten Milse prova <br class="br_visual" />il nuovo teleobiettivo zoom Canon

Thorsten Milse prova
il nuovo teleobiettivo zoom Canon

© Thorsten Milse

Maggio 2013

Il test di un nuovo obiettivo è una faccenda molto delicata. Prima del lancio sul mercato, l'obiettivo viene spesso messo duramente alla prova nelle mani di alcuni dei fotografi più esigenti al mondo. Così, quando Canon ha deciso di produrre il suo innovativo EF200-400 mm f/4L IS USM EXTENDER 1,4x, un teleobiettivo zoom con buone potenzialità nel settore della fotografia sportiva e naturalista, una delle prime persone scelte per metterlo alla prova è stato l'esperto fotografo naturalista, nonché Canon Ambassador, Thorsten Milse. Il redattore di CPN David Corfield lo ha intervistato per parlare della sua esperienza di lavoro con l'ultimo teleobiettivo zoom di Canon.

Thorsten Milse vive la sua vita all'estremo. Quasi letteralmente, nel suo caso. Come location per il suo test ha scelto le montagne di Chamonix e ha deciso raggiungere i 2000 metri di altitudine sulle Alpi francesi per fotografare lo stambecco delle Alpi, un esemplare straordinario che vive sulle più alte montagne europee.

© Thorsten Milse

Rivolgere l'obiettivo verso il cielo può creare problemi di messa a fuoco: questo però non avviene con il teleobiettivo zoom EF200-400 mm. Thorsten Milse ha immortalato questo stambecco curioso che si affaccia tra le rocce con una EOS-1D X utilizzando l'obiettivo EF200-400 mm f/4L IS USM EXTENDER 1,4x, con una lunghezza focale di 560 mm. L'esposizione era di 1/80 sec a f/14, ISO 200.

"Quando si scala una montagna bisogna viaggiare il più leggeri possibile", consiglia. "Perciò è molto importante scegliere quali obiettivi portarsi e quali lasciare. Nel mio zaino avevo una EOS-1D X e una EOS 5D Mark III, oltre agli obiettivi zoom EF16-35 e EF70-200 mm. Non sono Arnold Schwarzenegger, quindi non volevo sovraccaricarmi troppo, motivo per cui questo obiettivo EF200-400 mm, del peso di circa 3,5 kg, è stato perfetto per quel lavoro. È davvero compatto e si maneggia molto facilmente. Non ho avuto neanche bisogno di usare il cavalletto; era così veloce da usare, soprattutto quando lo stambecco saltava da una roccia all'altra".

Thorsten Milse ha subito dovuto affrontare l'incredibile velocità degli stambecchi, che hanno messo alla prova sia i suoi tempi di reazione come fotografo sia il sistema di messa a fuoco dell'obiettivo. Sebbene lo zoom EF200-400 mm sia dotato di un collare per cavalletto molto robusto posizionato sul barilotto, Milse si è trovato più comodo a scattare a mano libera.

E infatti spiega: "Grazie alla sua splendida maneggevolezza, è possibile scattare fotografie in successione molto rapida, da 200 mm a 560 mm. È davvero facile: si può fotografare un paesaggio in lontananza e subito dopo zoomare direttamente su un soggetto a 200 metri di distanza senza nemmeno dover cambiare obiettivo. E per me questo è uno dei maggiori vantaggi".

Ricorda infatti lavori passati in cui il cambio degli obiettivi si è rivelato molto stressante. "Il tempo speso a cambiare gli obiettivi e ad aggiungere i moltiplicatori per arrivare più vicini al soggetto potrebbe farvi perdere lo scatto decisivo. Ma non con questo zoom. Basta un dito per attivare il moltiplicatore 1,4x e si è pronti quasi istantaneamente a scattare un'altra foto. E inoltre è molto preciso: dopo aver scattato ho controllato le immagini sul mio computer e, con o senza moltiplicatore, le fotografie sono sempre perfette".

"Posso dire in tutta onestà che questo obiettivo mi ha permesso di produrre fino al 30% di scatti in più. E quando ci si trova in situazioni estreme, questo aspetto è una cosa incredibile", aggiunge Milse.

Ha immortalato lo stambecco utilizzando le reflex digitali EOS-1D X e EOS 5D Mark III. Per molti questa è la combinazione di corpi macchina ottimale. "Quando sei in una posizione estrema, come sul ciglio di un dirupo, non puoi muoverti molto", ricorda. "E gli stambecchi sono creature molto timide, quindi per immortalarli è necessario restare immobili. Questo a volte rappresenta un problema per i fotografi, perché il minimo movimento fatto per cambiare l'obiettivo può spaventarli".

© Thorsten Milse

Un soggetto e uno sfondo scuri possono causare problemi sia di esposizione sia di messa a fuoco, ma grazie a un'attenta misurazione Thorsten Milse non avuto problemi. Foto scattata con una EOS 5D Mark III e obiettivo EF200-400 mm f/4L IS USM EXTENDER 1,4x impostato a 212 mm, con un'esposizione di 1/50 sec a f/4, ISO 1600.

Milse rivela: "Ho portato entrambe le fotocamere per vedere se c'era qualche differenza di qualità o di prestazioni, ma erano entrambe perfette, così come è stata perfetta la messa a fuoco automatica. Inoltre, lo stabilizzatore d'immagine ha lavorato molto bene su entrambi i corpi", aggiunge. "L'obiettivo è silenzioso e il sistema di stabilizzazione di immagini funziona in modo davvero veloce: questo è importante quando si lavora ad alta quota, perché il cuore si affatica e batte più forte e può trasmettere vibrazioni dal braccio alla fotocamera".

Per Thorsten Milse, come per altri che lavorano in situazioni in cui i cambiamenti di obiettivo devono essere ridotti al minimo, il più grande vantaggio dell'EF200-400 mm è costituito dal moltiplicatore 1,4x integrato. Milse ricorda un incarico in India particolarmente impegnativo l'anno scorso, una situazione in cui avrebbe voluto avere questo nuovo obiettivo con sé. "Ero in groppa a un elefante, alla ricerca di tigri: la temperatura era di 40 gradi e tenevo una EOS 5D Mark II con un obiettivo EF70-200 mm in una mano e un obiettivo da 600 mm tra le gambe. All'improvviso ho avuto bisogno di scambiare gli obiettivi e per poco non sono caduto dall'elefante! Con questo obiettivo unico, tutti questi problemi ora fanno parte del passato..."

Se pensate di investire nel nuovo obiettivo EF200-400 mm f/4L IS USM EXTENDER 1,4x dovete ringraziare i progettisti di Canon e i fotografi come Thorsten Milse che l'hanno sviluppato e testato. E come ammette Milse: "Ora che ho restituito l'obiettivo, lo rivoglio! Ho avuto un assaggio del futuro e non vedo l'ora di averne uno tutto mio".

Biografia: Thorsten Milse

Thorsten Milse

Nato in Germania, il fotografo naturalista Thorsten Milse si è formato come graphic designer, ma poi ha deciso di intraprendere la carriera di fotografo. Thorsten è specializzato nella fotografia di paesaggi e animali, con una forte attenzione sulle specie in via di estinzione. Le sue foto sono state pubblicate su prestigiose riviste naturalistiche di 25 paesi, tra cui GEO, BBC Wildlife, Illustreret Videnskab e Nature’s Best Photography. Con i suoi scatti ha vinto diversi premi internazionali, tra cui il Wildlife Photographer of the Year della BBC (comportamento animale) e il Grand Prize Winner al Nature’s Best Photo Competition. Alla fine del 2011 ha pubblicato il suo libro "Polar World", risultato di oltre sei anni di lavoro nelle regioni artiche e antartiche.



Showcase